mercoledì, 20 Marzo, 2019
termine “gladiatrice” sul vostro cellulare. Io l’ho fatto, per curiosità e mi sono accorta che il correttore automatico cercava, a tutti i costi, di segnalarmi che la parola era errata, suggerendo il termine maschile “gladiatore”. Il telefono, come tutti i computer, può sbagliare. Le gladiatrici sono esistite, eccome e la storia ci ha lasciato numerose tracce della loro esistenza.
Roma, nella seconda metà del III secolo d.C., doveva opporsi a numerosi nemici. I confini settentrionali dell’impero erano minacciati dai Goti, che spesso oltrepassavano i confini per fare bottino nei territori romani, mentre in oriente dopo l’umiliante sconfitta dell’imperatore Valeriano i Persiani ritenevano di poter conquistare facilmente le province dell’Impero Romano. Si oppose a questo progetto Palmira, una città di piccole dimensioni nel deserto siriano. Città antichissima, con insediamenti che si possono far risalire al 7000 a.C., in un primo tempo fu annessa all'impero seleucide, diventando pressoché indipendente al termine del I secolo a.C.
Margaret Murray è nota principalmente per il suo contributo nel campo dell’Archeologia Egizia, che non sempre le fu riconosciuto, come molte sue contemporanee, ma il suo lavoro di ricerca e insegnamento fu pari a quello dei suoi colleghi uomini. Oltre a dare il suo contributo all'archeologia e antropologia, questa studiosa fu sostenitrice dei movimenti sociali della sua epoca, come la campagna per il voto femminile. Anche se generalmente descritta come l’assistente del grande egittologo Flinders Petrie, Margaret Murray era un’archeologa indipendente che merita tutto il riconoscimento dovuto a una studiosa del suo calibro.
Una delle collezioni di manoscritti più antiche e prestigiose al mondo sarà presto fruibile gratuitamente sul web, grazie a una collaborazione tra il monastero di Santa Caterina, la UCLA Library (Università della California a Los Angeles), la Early Manuscripts Electronic Library e l'Arcadia Fund, un’associazione britannica che concentra la sua attività nella conservazione culturale e che finanzierà il progetto per un periodo di 5 anni. Tra i 1600 preziosi volumi digitalizzati ci sono circa 160 palinsesti noti, datati tra il IV e il XII secolo d.C., che in alcuni casi riguardano testi non più studiati, in quanto non sono sopravvissuti in nessun'altra forma.
Nel II secolo a.C. il senato aveva assunto una sempre maggiore preminenza, mentre al contempo la forte espansione di Roma nel Mediterraneo privava sempre più l’Urbe della partecipazione politica, finendo per far assumere alla nobilitas senatoria un controllo maggiore sulla res publica. In seguito alla lex Calpurnia del 149 a.C. il senato era arrivato a controllare perfino i processi contro la malversazione e corruzione nelle province, che però erano sempre amministrate dai senatori stessi.
Da sempre nella storia i sacrifici (specie quelle umani) sono serviti per placare le ire di una divinità o per propiziarsene il favore, specie se  "costretti" da un pericolo incombente, come la minaccia di un fenomeno naturale o una guerra. Molti e diffusi gli esempi che si potrebbero annoverare per suffragarne valore e significato sacrale: la civiltà hittita, ad esempio, può essere annoverata tra quelle che, nell'ambito di un rito propiziatorio e purificatore, effettuava sacrifici umani.
Passeggiando sotto un cielo stellato, oppure sdraiati su un plaid a contemplare le stelle, abbiamo tutti ammirato l’immensità del cielo e il suo sconfinato splendore senza sapere, probabilmente, che molte delle costellazioni che illuminano il firmamento narrano una storia, un mito, una leggenda. Probabilmente non vi siete mai soffermati a fissare la piccola costellazione a cui è agganciata la bellissima storia d’amore che sto per narrarvi, ma di sicuro avrete visto le sue stelle senza sapere che avevano un nome e una storia. Quello che sto per proporvi è uno dei racconti più romantici e commoventi che ci è stato tramandato dall’antichità e ci porta in Egitto, al tempo in cui, nel III secolo a.C., Le Due Terre erano governate da Tolomeo III Evergete e sua moglie Berenice II. Sono proprio i due sovrani i protagonisti della nostra storia!
Questo testo è conservato dal papiro demotico del British Museum n° 10508, della tarda età tolemaica. La redazione originaria risale però al V-IV secolo a.C. Vi si distinguono due parti: la prima, che introduce le istruzioni di saggezza, ha forma narrativa e non manca di inquadramento storico. Le prime cinque pagine, infatti, ci raccontano la storia di Onkhsheshonqy, che fu imprigionato per aver udito di un complotto contro il Faraone e non averlo riferito. La seconda parte, pp. 6-28, comprende le istruzioni, scritte in versi di diversa lunghezza, in uno stile assai ricercato, che impiega il parallelismo dei membri e un ampio vocabolario. Esse sono divise in capitoli, secondo le prime parole di ogni massima.
Il decreto è stato emesso a Canopo nel 238 a.C., sotto Tolomeo III Evergete I e la moglie Berenice II. Il preambolo iniziale, più breve che non negli altri decreti, loda la pietà della coppia regale e i benefici da essa accordati ai templi; in particolare, vengono ricordate la campagna asiatica che ha portato al recupero delle statue sacre depredate a suo tempo dai Persiani e le misure prese per alleviare le conseguenze di un periodo di carestia dovuto alla crescita insufficiente della piena del Nilo. La parte principale del decreto riguarda, invece, tre provvedimenti: il primo concerne l’aumento a cinque del numero delle tribù sacerdotali, con l’aggiunta di una nuova tribù dedicata agli “Dei Evergeti”, ossia proprio a Tolomeo III e Berenice II; il secondo è la ben nota riforma del calendario, con l’introduzione dell’anno bisestile, ogni quattro anni; e infine l’istituzione di un culto particolare per la defunta principessa Berenice.
L'Epopea di Gilgamesh. Si tratta della più ampia e complessa tra le opere letterarie tramandateci dagli Assiri-Babilonesi. Composta in origine da circa tremila versi (quelli conservati sono poco più di duemila), essa supera di molto l’altra grande composizione giuntaci, l’Enuma Elish, che conta solo un migliaio di versi. È concordemente ritenuta dagli studiosi la prima vera epopea dell’umanità. Secondo il parere del grande assiriologo Giovanni Pettinato, essa è “paragonabile per ampiezza di respiro, per forte drammaticità e profonda maturità, alle grandi composizioni divenute patrimonio di tutte le genti, quali l’Iliade e l’Odissea di Omero, la Divina Commedia di Dante e il Faust di Goethe”.

Gli autori

Scopri tutti gli autori di Mediterraneo Antico

Agnese Costa
0 ARTICOLI0 Commenti
Aila Santi
1 ARTICOLI0 Commenti
Alberto Elli
30 ARTICOLI0 Commenti
Alberto Siliotti
3 ARTICOLI0 Commenti
Alessandro Biagini
1 ARTICOLI0 Commenti
Alessandro Rolle
12 ARTICOLI0 Commenti
Alessia Chillemi
3 ARTICOLI0 Commenti
Alessia Mancuso
9 ARTICOLI0 Commenti
Ambra Viglione
1 ARTICOLI0 Commenti
Andrea Vitussi
1 ARTICOLI0 Commenti
Annamaria Zizza
6 ARTICOLI0 Commenti
Avatar
1 ARTICOLI0 Commenti
Claudia Di Cera
6 ARTICOLI0 Commenti
Claudio Vastano
0 ARTICOLI0 Commenti
Cristina Trimarchi
24 ARTICOLI0 Commenti
Emilio Passera
3 ARTICOLI0 Commenti
Fabiana Fuschino
5 ARTICOLI0 Commenti
Federica Federigi
9 ARTICOLI0 Commenti
Francesca Pontani
9 ARTICOLI0 Commenti
Avatar
7 ARTICOLI0 Commenti
Francesca Rossi
8 ARTICOLI0 Commenti
Francesco Bondielli
0 ARTICOLI0 Commenti
Francesco Carbone
2 ARTICOLI0 Commenti
Francesco Galassi
1 ARTICOLI0 Commenti
Franco Brussino
11 ARTICOLI0 Commenti
Gemma Bechini
1 ARTICOLI0 Commenti
Generoso Urciuoli
7 ARTICOLI0 Commenti
Giampiero Lovelli
4 ARTICOLI0 Commenti
Giulia Nicatore
2 ARTICOLI0 Commenti
Giuliana Rigamonti
1 ARTICOLI0 Commenti
Giuseppe Concilio
3 ARTICOLI0 Commenti
Ilaria Incordino
3 ARTICOLI0 Commenti
Ilaria Magni
2 ARTICOLI0 Commenti
Imma Valese
1 ARTICOLI0 Commenti
Jessica Lombardo
2 ARTICOLI0 Commenti
Laura Cigana
6 ARTICOLI0 Commenti
Avatar
0 ARTICOLI0 Commenti
Marcherita Guccione
4 ARTICOLI0 Commenti
Marco Baldi
1 ARTICOLI0 Commenti
Marco Chioffi
1 ARTICOLI0 Commenti
Marco Pirollo
17 ARTICOLI0 Commenti
Marco Vasile
2 ARTICOLI0 Commenti
Maria Grazia Mimmo
1 ARTICOLI0 Commenti
Mario Cardone
13 ARTICOLI0 Commenti
Mario Menichetti
4 ARTICOLI0 Commenti
Massimiliano Franci
1 ARTICOLI0 Commenti
Mattia Mancini
2 ARTICOLI0 Commenti
Nicoletta Petrillo
4 ARTICOLI0 Commenti
Noha Qotb
1 ARTICOLI0 Commenti
Paola Di Silvio
0 ARTICOLI0 Commenti
Paolo Belloni
3 ARTICOLI0 Commenti
Renata Schiavo
2 ARTICOLI0 Commenti
Roberta Vivian
3 ARTICOLI0 Commenti
Rosanna Pesce
0 ARTICOLI0 Commenti
Sabina Malgora
1 ARTICOLI0 Commenti
Sandro Trucco
5 ARTICOLI0 Commenti
Shamira Minozzi
7 ARTICOLI0 Commenti
Silvia Bartolotti
1 ARTICOLI0 Commenti
Silvia Neri
4 ARTICOLI0 Commenti
Sonia Angelini
0 ARTICOLI0 Commenti
Stefano Gambioli
1 ARTICOLI0 Commenti
Susanna Valpreda
2 ARTICOLI0 Commenti
Tiziana Giuliani
180 ARTICOLI5 Commenti
Valentino Mandrich
3 ARTICOLI0 Commenti
Valeria Nuzzolo
2 ARTICOLI1 Commenti
Veronica Quintili
5 ARTICOLI0 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here