domenica, 27 Settembre, 2020

Seguici sui social

67,636FansMi piace
33,169FollowerSegui
7,100FollowerSegui

News

La Regione Campania, il MANN e la Fondazione Napoli Novantanove insieme per la scuola

REGIONE CAMPANIA, MANN E NAPOLI NOVANTANOVE: FIRMATO PROTOCOLLO D'INTESA PER LEZIONI MULTIDISCIPLINARI   Paolo Giulierini: "Musei vicini ai giovani: con il nuovo auditorium anche nuovi spazi...

Parco Archeologico dei Campi Flegrei e Geronimo Stilton – Video educativo per ragazzi

Geronimo Stilton, il topo giornalista più amato dai bambini di tutto il mondo, sarà il testimonial d’eccezione del progetto educativo del Parco archeologico dei...

Pompei e la grande mostra Gran Palais di Parigi

Dal 1 luglio apre la grande mostra Gran Palais di Parigi, organizzata da Réunion des musées nationaux, Grand Palais e GEDEON Programmes in collaborazione...

Thalassa, presentata la raccolta di saggi sulla mostra e lanciato il trailer del documentario

In diretta Facebook, dal MANN, per raccontare i tesori sommersi dal Mediterraneo Cosa accomuna un'impegnativa raccolta di saggi (trecento pagine e oltre quattrocento illustrazioni) ed...

Finalisti del Premio BMTA: il leone alato di Vulci

Terminiamo in Italia la nostra rassegna sui finalisti del premio della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico (BMTA), l’International Archaeological Discovery Award in onore all’archeologo...

Thalassa: la mostra sulle meraviglie sommerse dal Mediterraneo prorogata sino al 31 agosto

Thalassa: la mostra sulle meraviglie sommerse dal Mediterraneo prorogata sino al 31 agosto Mercoledì 1° luglio (ore 12), diretta Facebook per presentare la raccolta di...

Eventi e Mostre

Borsa di Paestum: “Non vediamo l’ora di ripartire”. Il programma prende forma nel rispetto...

A 4 mesi già presentato il programma della XXIII Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico, a Paestum dal 19 al 22 novembre 2020 In arrivo le prime conferme dei...

Scopri Milano con l’App di MuseoCity

Da oggi fino al 2 agosto 2020, Milano rinnova l’invito a cittadini e appassionati a scoprire il suo patrimonio museale. I moltissimi musei coinvolti aprono...

In viaggio con gli Etruschi: itinerario turistico tra MANN, Museo Etrusco di Villa Giulia...

#InviaggiocongliEtruschi: nel nome dell'antica civiltà italica, un accordo tra MANN, Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia e Museo Civico Archeologico di Bologna Sconti in biglietteria...

Splendida mostra alla Palestra grande: “VENUSTAS. Grazia e bellezza a Pompei”

“VENUSTAS. Grazia e bellezza a Pompei” La Mostra alla Palestra grande dal 31 luglio 2020 al 31 gennaio 2021 Creme, trucchi, bagni di profumo, specchi per ammirarsi,...

Museo Archeologico di Napoli: gioco di squadra per l’estate 2020

Dal 1° agosto, al via la convenzione con la Casa Rossa di Anacapri Tante le partnership già attive: dalla Villa San Michele, dimora storica di...

Dal Web - Rassegna stampa

Altri articoli

La vita di Ilaria

In questo nuovo lavoro Alberto Elli ci trasporta in un periodo storico di grande interesse, che vide la fine dell’Impero Romano d’Occidente e la stabilizzazione dell’Impero Romano d’Oriente, che gli sopravvisse per circa un millennio. Uno dei protagonisti fu l’imperatore Zenone che è il protagonista anche di questa storia, insieme a due figlie che nella realtà non ha mai avuto. Il documento che contiene questa storia è scritto in copto shaidico e risale all’848, quindi alcuni secoli dopo lo svolgimento dei fatti, ed è custodito presso la Pierpont Morgan Library di New York. Nel 1947 lo studioso Drescher pubblicò in un supplemento degli Annales du services des Antiquités de l’Egypte, Il Cairo, una raccolta di tre leggende copte dal titolo “Three coptic legends: Hilaria, Archellites, The Seven Sleepers”.

Tra vendetta privata e propaganda: il caso di Marco Attilio Regolo

Quella mattina il caldo umido e l’aria intrisa di salsedine impedivano quasi di respirare, ma nessuno avrebbe voluto rinunciare allo spettacolo che si preannunciava. Hamelqart...

Dialogo del Paesaggio vesuviano nella persistenza della memoria

Bisogna comunicare con linguaggio moderno il significato dei segni della memoria nel paesaggio vesuviano. E’ considerazione di base del professore Claudio Salerno, presidente dell’Istituto...

Articoli di MA

La numismatica e il simbolismo

La Numismatica (dal greco nomisma, ovvero “moneta”) studia gli oggetti utilizzati come mezzo di scambio: monete, banconote, medaglie, pesi. La moneta è un documento estremamente importante, nonostante la sua apparente semplicità. Piccolo tondello di metallo, è caratterizzato da un’immagine, il tipo monetale, impressa dall’autorità emittente, che ne garantisce la legittimità. Metallo, peso, l’immagine principale e quelle secondarie (i simboli), uniti alla leggenda indicante il nome del sovrano o della città che ne ha voluto la realizzazione, sono gli elementi che costituiscono la moneta. Ogni documento monetale racconta una storia, è depositario di un messaggio, che poteva essere letto da chiunque lo tenesse tra le mani. Cittadini della polis in cui viene battuta dunque, e visitatori per diletto o per lavoro, abitanti di terre lontane, che spesso portavano la moneta con sé, come ricordo dell’esperienza vissuta, senza sapere quanto il loro gesto fosse importante. Difatti il messaggio affidato a quel piccolo pezzo di metallo superava i confini del luogo in cui era nato e aveva valore, oltrepassando tempo e spazio. Grazie alle monete è possibile raccontare la storia dei rapporti di carattere economico e commerciale tra popoli lontani, un fil rouge che univa Oriente e Occidente . Il rinvenimento del celebre tesoretto dell’Artemision di Efeso nel 1904 ci consente di collocare la nascita della moneta intorno alla metà del VII secolo a.C.

Jaḫdun-Lim, re di Mari

Il regno di Jaḫdun-Lim ci è noto grazie a un’iscrizione ufficiale conservata su un grande disco di terra cotta e alle tavolette degli archivi di Mari. Il suo regno, di una ventina di anni, ebbe una fine tragica: egli morì, infatti, assassinato dai suoi servitori, per ragioni che non ci sono note. È tuttavia probabile che l’assassino fosse stato commesso su istigazione del re assiro Šamši-Addu I. Infatti, alla morte di Jaḫdun-Lim il regno di Mari passò sotto il controllo del monarca assiro, che vi installò il figlio Iasmaḫ-Addu come governatore. Questo “interregno assiro” durò una ventina di anni. Alla morte di Šamši-Addu I, infatti, Zimri-Lim, figlio di Jaḫdun-Lim, riuscì a riconquistare il “trono dei suoi padri” e a mantenersi al potere per più di trent’anni. È sotto il suo regno che Mari conobbe una grande prosperità, alla quale mise brutalmente fine la conquista di Hammurapi di Babilonia.

EM n°4 – dicembre 2012

Le stele del Medio Regno nel Museo Egizio di Torino - Il Cristianesimo in Egitto - La Patera delle nuotatrici - Olimpiadi - Le tombe di Roy e Shuroy - La Chiesa ortodossa Tewahedo - Il villaggio degli operai - L’importanza dei morti - Scoperta una tomba reale egizia a Livorno - Màstabe, stele e iscrizioni rupestri egizie nell’AnticoRegno - Ramesse I - Shamira - I papiri di Carla

I nostri numeri

1951

Articoli

67

Autori

71399

Visitatori unici al mese

*Dati riferiti a maggio 2020