Avviso importante!

Per migliorare la vostra esperienza di lettura, abbiamo rimosso i banner pubblicitari di Google. Aiutateci a mantenere il sito così e a coprire le spese passando per la nostra pagina Amazon prima di fare acquisti di qualsiasi genere.
A voi non costa nulla, ma per noi è una cosa molto preziosa. Grazie!

Vai alla pagina Amazon

Vita e morte di una divinità egizia: il toro Api

Api è il toro divino di cui si hanno maggiori documentazioni scritte e archeologiche nell'antico Egitto. L’immagine del toro rappresenta il re, e questa incarnazione verrà confermata anche nel periodo storico con la coda di toro posticcia appesa alla cintura del sovrano e con il frequente uso nel protocollo regale del Nuovo Regno del titolo di “toro possente”.

Macchina di Anticitera: svelato il mistero del computer più antico del...

Una ricerca condotta dall'Università di Glasgow, sotto l'egida di Graham Woan, Professore di Astrofisica e Direttore dell'Osservatorio Astronomico dell'Università di Glasgow, e di Joseph...

Assuan: dalla necropoli dell’Aga Khan emergono tombe di famiglia di epoca...

La missione archeologica congiunta italo-egiziana EIMAWA (Egyptian-Italian Mission At West Aswan), coordinata dall'Università degli Studi di Milano e dal Ministero del Turismo e delle...

Mediterraneo antico: un relitto riscrive i libri di storia!

Ricordiamo tutti le scene d’apertura del film “Titanic”, con il cacciatore di tesori interpretato da Bill Paxton e il suo team alla ricerca del...

Dopo uno straordinario restauro riprende forma l’unico esemplare di “lorica squamata”,...

Restaurata l’armatura romana “Lorica squamata” scoperta nel 2020 in Turchia, nell’antica città di Satala, nella regione del Mar Nero. A darne notizia è lo stesso Ministero della Cultura e del Turismo turco. L’armatura, risalente al periodo tardo romano (circa 1500 anni fa), rappresenta l’unico esemplare ad oggi conosciuto.

Carmona, Andalusia: rinvenuto vino bianco di oltre 2000 anni fa

Nel 2019 i lavori di ristrutturazione di una casa a Carmona, nel sud della Spagna, hanno portato alla luce i resti di una tomba...

L’Akh-menu e il “giardino botanico” di Thutmosi III

Thutmosi III, nell'anno 23 del suo regno, iniziò la costruzione di un nuovo tempio all'interno del complesso templare di Karnak. Lo chiamò "Menkheperre Akh-menu" e fu qualificato come “grande tempio dei milioni di anni. Il tempio fu costruito come memoriale a suo padre Amon-Ra e ai suoi antenati al fine di perpetuare i loro nomi e assicurare loro il servizio delle offerte divine.

Spuntano lettere di centurioni romani in una necropoli a Berenice

Un team congiunto di ricercatori polacchi e americani del Polish Centre of Mediterranean Archaeology dell'Università di Varsavia e dell'Università del Delaware ha comunicato un'interessante...

Il gatto nell’antico Egitto

Dopo la sua prima comparsa nella tomba di Khnumhotep III a Beni Hasan, l’attività del gatto nell'antico Egitto è ben documentata da rappresentazioni e testi. Esso compare come animale domestico in tombe private e come divinità nel pantheon egizio. Il gatto maschio è l’ipostasi del dio sole Ra, che combatte quotidianamente il mostruoso serpente Apopi, manifestazione del caos; la gatta si identifica con l’amorevole e materna dea Bastet, pronta però a trasformarsi in una feroce leonessa quando il caso lo richiede. Il gatto ha un ruolo fondamentale in alcuni miti, nel culto, in determinate feste popolari e perfino nelle fiabe.

“Un Museo per l’École”. Una mostra dedicata alla collezione archeologica dell’École...

La nascita di una nuova collezione archeologica è sempre un fatto edificante, perché significa immettere nel tessuto culturale della città che la ospita una...

Sui graffiti erotici di Deir el-Bahari

La tomba incompiuta MMA 504 a Deir el-Bahari, alla destra del tempio di Hatshepsut, è conosciuta anche come "Grotta degli scribi" e contiene diversi graffiti di cui due a tema erotico risalenti alla XVIII dinastia. Gilberto Modonesi ci regala un nuovo articolo in cui ripropone gli studi e le interpretazioni di questi graffiti erotici.

Il mistero della nascita divina: i mammisi dei templi egizi

Il miracoloso concepimento del dio Horus è una delle rappresentazioni egizie più curiose. Nel mito e nel mistero di questa nascita si individuano significati sottesi e simboli che presentano alcune analogie con l’Annunciazione a Maria e la conseguente Incarnazione di Gesù.

Il miele come presidio terapeutico nell’antico Egitto

Il miele era usato frequentemente nella medicina egizia, tanto che esso compare in 500 prescrizioni sulle circa 900 finora conosciute.

Da sabato 29 giugno alle ore 21 su History Channel: Gli...

LA STORICA BETTANY HUGHES  RIPERCORRE GLI EVENTI FONDAMENTALI NELLA STORIA DI ROMA, DALLA BATTAGLIA DI ZAMA ALLA RIFORMA DI COSTANTINO NELLA NUOVA SERIE IN ...

Il papiro Lansing

Il Papiro Lansing proviene con ogni probabilità da una tomba tebana. Il reverendo missionario Dr. Lansing, dal quale il reperto prese il nome, lo...

Identificato il sarcofago in pietra di Ramesse II

A seguito di un riesame effettuato su un sarcofago rinvenuto qualche anno fa ad Abydos è stato identificato il sarcofago di Ramesse II, il celebre faraone della XIX dinastia.

Intervista a Toby Wilkinson. L’egittologo sarà ospite al Festival Internazionale della...

Laddove il fiume Isonzo irrompe in quell’ampia pianura protetta dai rilievi del Collio, dall’altopiano di Tarnova e del Carso, sorge la città di Gorizia. Un...

Torna alla luce il ramo Ahramat del Nilo: ha aiutato gli...

Da un recente studio pubblicato in formato open access sulla rivista Communications Earth & Enviroment e condotto dalla University of North Carolina Wilmington assieme...

Da mito a realtà: archeologi identificano le Amazzoni

Ha fatto scalpore nelle ultime settimane la dichiarazione della storica Bettany Hughes (celebre in UK per la realizzazione e conduzione di vari documentari e...

In loving memory of Barry Kemp

Sono passate diverse ore da quando ho appreso che Barry Kemp ha lasciato questa terra… una notizia che mi ha scosso e che ha fatto largo ad un'enorme tristezza. Ancora non riesco a rassegnarmi all'idea che il professore possa aver iniziato il suo viaggio tra le stelle imperiture. Si, se ne è andato un grande, uno di quelli che come lui non ci saranno più. L'egittologo gentiluomo, così amavo definirlo…