Parole crociate in geroglifico

Una straordinaria prova dell’abilità degli scribi egizi è documentata da alcuni monumenti in cui i segni della scrittura geroglifica possono essere letti per righe e per colonne ottenendo due testi differenti. La scrittura geroglifica, costituita di numerosi segni di cui molti polivalenti, si prestava bene a giochi grafici e a costruire testi a parole crociate.

Archeologi trovano la Porta del Paradiso

L’ultima campagna di scavo presso il sito di Tal-e Ajori, nella città bassa della grande Persepoli, ha portato al rinvenimento di nuove porzioni di...

Lettere da Mari

Nel 1933 fu scoperta la città di Mari, importante centro mesopotamico, contemporaneo di Uruk. Negli anni successivi, il sito archeologico restituì oltre ventimila tavolette di argilla con preziose informazioni riguardanti l'amministrazione statale, i rapporti diplomatici fra le varie entità statali e i rapporti commerciali con alcuni paesi del Mediterraneo, del Medio Oriente e dell'Asia meridionale. In questo nuovo Speciale, Alberto Elli ci presenta una ventina di lettere tratte da quel vastissimo archivio. Buona lettura!

La Tavoletta di Büklükale: la buia notte prima dell’alba

“Hanno preso le porte, e il secondo salone… non possiamo più uscire… arrivano…”. Così recitavano le ultime righe del Libro di Mazarbul, immaginato da...

Pompei: la Regio IX e le testimonianze dei cantieri edili prima...

© Parco archeologico di Pompei Le ricerche archeologiche nell'insula 10 della Regio IX di Pompei hanno portato alla luce un cantiere edile in piena attività,...

Dalla nascita del dio Horus all’Annunciazione cristiana: alcune curiosità iconografiche

Il miracoloso concepimento del dio Horus è una delle rappresentazioni egizie più curiose. Nel mito e nel mistero di questa nascita si individuano significati sottesi e simboli che presentano alcune analogie con l’Annunciazione a Maria e la conseguente Incarnazione di Gesù.

Rinvenuta a Dahshur una mastaba dipinta dell’Antico Regno

© MoTA Nella necropoli di Dahshur la missione archeologica dell'Istituto Archeologico Tedesco al Cairo ha scoperto una mastaba dell'Antico Regno. La missione tedesco-egiziana, diretta dal...

Al CAMNES il workshop “Sacredness at Deir el-Medina”

Si è da poco concluso il workshop internazionale “You Established the Sky, You Illuminated It with Light”. Sacredness at Deir el-Medina, organizzato dal centro...

Intorno a una scena del sarcofago di Horudja (XXVI dinastia)

Nel cortile del Museo Egizio del Cairo è esposto un sarcofago di granito nero della XXVI dinastia, ritrovato nel 1992 ad Athribis, appartenuto ad un personaggio di rango elevato chiamato Horudja. Il reperto è di grande interesse perché presenta formule funerarie che riportano numerose varianti rispetto alle formule standard.

L’acquedotto di Patara: una pregevole opera di ingegneria idraulica romana

Lungo la Via Licia, in Turchia, esistono innumerevoli siti archeologici con resti di notevole importanza. Tra essi troviamo l’acquedotto a sifone invertito (detto anche rovescio) di Delikkemer vicino Patara, un’opera di grande ingegneria idraulica romana.

Gli insegnamenti di Silvano

Il testo qui presentato dovrebbe risalire a un periodo non molto successivo a Clemente di Alessandria (circa 150-215) ed Origene (185-254), poiché esso mostra numerose affinità con la loro teologia. L’autore è presentato col nome pseudoepigrafico di Silvano, il compagno di Paolo, e probabilmente era un copto.

Festa Etrusca 2024: “Racconti di donne etrusche: ispirazione senza tempo”

Continua senza sosta il cammino di Festa Etrusca all’interno dell’universo rasna ed è stato scelto il tema in cui verranno declinate le numerose tappe del 2024: “Racconti di donne etrusche: ispirazione senza tempo”. Sarà dunque la donna etrusca protagonista delle attività che l’affiatato team di Festa Etrusca sta mettendo a punto per gli incontri che caratterizzeranno l’evento, un tema che ci riporta prepotentemente ai giorni nostri e ci impone una profonda riflessione sulla condizione della donna moderna, gettando un ampio sguardo sul mondo antico che – come spesso accade – può venirci in aiuto.

Alcune spigolature sullo strano destino delle mummie

L’analisi patologica delle mummie è da alcuni lustri uno strumento fondamentale di conoscenza delle modalità di vita e delle cause di morte degli antichi abitanti della Valle Nilo. Nella letteratura egittologica i reports degli scavi sono sistematicamente accompagnati da relazioni di patologi sui resti umani rinvenuti. I musei conservano con cura le mummie in condizione di umidità e temperatura atte a preservarle per la curiosità dei visitatori e le ricerche degli studiosi.

Pompei torna a stupire: viene alla luce l’affresco del mito di...

Dalle attività di scavo e di restauro che stanno interessando la Casa di Leda (Regio V, 6, 12) è emerso, oltre a nuovi ambienti...

Howard Carter e Trieste

Howard Carter era solito partire da Londra sul "Venice Simplon-Orient-Express", un treno che attraversava su un traghetto la Manica. Poi arrivava a Venezia e quindi si trasferiva a Trieste per prendere uno dei piroscafi che faceva scalo ad Alessandria, Egitto: si trattava di solito della motonave Helwan.

Un caso di conoscenze iniziatiche nell’antico Egitto

Il passaggio dalla vita terrena alla vita ultraterrena è stato avvertito dagli antichi Egizi come un problema cruciale e adesso si sono applicati definendo un complesso di liturgie di varia natura, ma complementari allo scopo di raggiungere l’aldilà, di superare il giudizio morale sui loro comportamenti in vita e di essere ammessi come beati nei Campi di Ialu, il paradiso egizio.

Mostri e città maledette dell’antica Assiria

Qualche mese fa era stato annunciato un “monumentale” recupero in terra d’Assiria: il Consiglio di Stato per le Antichità e il Patrimonio dell’Iraq aveva...

Striscia di Gaza: report dell’UNESCO

Il tragico conflitto in corso nella Striscia di Gaza sta producendo, come noto, una grave crisi umanitaria. Si moltiplicano i report delle organizzazioni internazionali...

Quello che ci rivelano i due ventagli nella Sala Gamma della...

La genealogia di Tutankhamon è uno dei dilemmi egittologici tuttora più dibattuti. L'amico Gilberto Modonesi ci offre un nuovo spunto di riflessione su questo argomento prendendo in considerazione alcuni elementi iconografici della sala gamma della tomba di Akhenaton ad Amarna ... elementi da tutti trascurati!

Il rossetto più antico della storia scoperto da un padovano!

“I vuoti tubetti di rossetto sono come bossoli di quella guerra eterna che è l’amore” scrive Chloë Thurlow. E se l’amore è una passione...