Le ambre della principessa. Storie e archeologia dell’antica terra di Puglia

Dal 4 febbraio 2017 fino al 7 gennaio 2018 presso le Gallerie d’Italia- Palazzo Leoni Montanari, sede museale di Intesa Sanpaolo sarà possibile visitare la mostra “Le ambre della principessa. Storie e archeologia dell’antica terra di Puglia”, quarto appuntamento della rassegna Il Tempo dell’Antico a cura dell’archeologa Federica Giacobello. Obiettivo dell’esposizione è rivisitare e studiare approfonditamente il fenomeno del collezionismo di vasi antichi che ha portato nel corso dei decenni alla formazione della collezione di ceramiche attiche e magno greche di Intesa Sanpaolo che precedentemente appartenevano alla famiglia Caputi.

Alla ricerca dei più importanti siti archeologici della Calabria

Il patrimonio storico-culturale della regione Calabria è estremamente ricco in virtù della sua posizione strategica nel Mediterraneo, che l’ha resa chiaramente una delle principali...

Colosseo. Da oggi riaperti i livelli riservati alla plebe

È una giornata importante per il monumento simbolo della città di Roma. In seguito ad un ingente intervento di restauro, oggi, alla presenza del...

Il mare in una stanza: il Mosaico dei Pesci dall’Acropoli di...

Il titolo di questo articolo è mutuato per intero dal libricino che ho acquistato presso il Museo Archeologico del Territorio di Populonia, perché è...

Il Castello del Buon Consiglio e la sua copiosa sezione archeologica:...

Tra le magnifiche attrazioni della città di Trento vi è certamente il Castello del Buonconsiglio (XIII sec.), una delle più ampie fortificazioni delle Alpi....

Apre oggi al grande pubblico la Villa Romana di Positano

Esaurito il breve periodo di visite dedicato ai soli residenti, da oggi, 1 agosto, la Villa Romana di Positano è aperta ufficialmente al grande pubblico. Dopo due importanti campagne di scavo (2003/2006; 2015/2016) il sito, di cui si conoscono le origini sin dal 1758, è pronto a mostrare i suoi tesori. I particolari del restauro e della conseguente valorizzazione e fruizione del sito sono stati illustrati, nei giorni scorsi, in un incontro a Palazzo “Ruggi D'Aragona” presso la Soprintendenza ABAP di Salerno. Qui tutti gli interessantissimi dettagli.