Scoperte tre tombe nel Medio Egitto grazie all’arresto di tre tombaroli

0
4071
Una delle tre tombe scavate dai tombaroli a Sohag (ph. gate.ahram.org.eg)

Domenica scorsa, nel governatorato di Sohag, nel Medio Egitto, sono state scoperte tre nuove tombe grazie all’arresto di tre tombaroli.

Una pattuglia del Dipartimento Investigazioni Criminali di Sohag stava ispezionando l’area montuosa adiacente al quartiere di el-Kawthar quando hanno avvistato tre uomini che vagavano con aria sospetta. Gli uomini sono stati fermati e nell’esaminare i loro telefonini le forze dell’ordine hanno visto foto scattate dai tre mentre scavavano illegalmente all’interno di alcune tombe. A quel punto gli uomini hanno confessato che stavano scavando con l’intenzione di trovare oggetti risalenti al periodo faraonico. Collaborando con la Polizia del Turismo e delle Antichità, i tre uomini hanno condotto le autorità fino al luogo di interesse. Qui un pozzo largo 1,5 m x 3 m e profondo 3 m, scavato dai tombaroli, conduceva a tre tombe dell’antico Egitto che contenevano purtroppo solo ossa. Dalle indagini preliminari, anche ammettendo di aver scavato per diversi giorni nell’intento di appropriarsi illegalmente delle antichità eventualmente ritrovate, è emerso che i cercatori non hanno trovato manufatti di nessun genere.

Delle tombe non si hanno ancora notizie in merito, le uniche informazioni si possono dedurre dalle foto scattare dai fuorilegge che, tra l’altro, sono le stesse diffuse dalle autorità. Da quel che si può notare le pareti sono ricche di decorazioni e di scene molto ben conservate dai colori ancora vividi.

Advertisement
Articolo precedenteScoperta ad Abusir la tomba del “Custode dei segreti della Casa del Mattino”
Prossimo articolo11 ottobre, Christian Greco a Ostia Antica
Tiziana Giuliani

Egittofila, sin dall’infanzia appassionata di Antico Egitto, collabora con l’associazione Egittologia.net dal 2010. Ha contribuito alla realizzazione di EM-Egittologia.net Magazine (rinominato poi MediterraneoAntico) seguendone la pubblicazione già dai primi numeri e ricoprendo in seguito anche il ruolo di coordinatrice editoriale. Dal 2018 è capo redattrice di MediterraneoAntico.

Organizza conferenze ed eventi legati al mondo degli Egizi, nonché approfondimenti didattici nelle scuole di primo grado. Ha visitato decine di volte la terra dei faraoni dove svolge ricerche personali; ha scritto centinaia di articoli per la ns. redazione, alcuni dei quali pubblicati anche da altre riviste (cartacee e digitali) di archeologia e cultura generale. Dall’estate del 2017 collabora con lo scrittore Alberto Siliotti nella realizzazione dei suoi libri sull’antico Egitto.

Appassionata di fotografia, insegna ginnastica artistica ed ha una spiccata predisposizione per le arti in genere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here