Il Museo Egizio intitola la Biblioteca a Silvio Curto

0
843

unnamedIl Museo Egizio intitola a Silvio Curto la sua Biblioteca, strumento indispensabile per un ente di ricerca che vuole tornare a essere un punto di riferimento internazionale per l’egittologia.

Il Professor Curto, egittologo e direttore del Museo dal 1964 al 1986, fornì un importante contributo al potenziamento del fondo librario formatosi in Museo già a partire dalla sua fondazione, nel 1824, grazie ai numerosi contatti con la Biblioteca del Collège de France di Parigi, allora la migliore in Europa e all’impegnativa ricerca di testi nelle librerie antiquarie di mezza Europa e de Il Cairo. Nel 1969, oltre a importanti altre donazioni, si aggiunse il lascito della biblioteca privata di Giuseppe Botti, dando vita ad una biblioteca unica in Italia grazie al ricco patrimonio fortemente specializzato in testi di argomento egittologico.

Oggi la Biblioteca comprende circa 7400 volumi monografici, 2100 volumi di periodici, 171 opuscoli, 182 tesi di laurea, microfilm e il fondo della Biblioteca Botti (circa 500 volumi tra monografie e periodici). Inoltre, da gennaio 2016 si è arricchita di 125 volumi, che offrono un ulteriore supporto alle attività di ricerca scientifica del Museo e della comunità di studiosi internazionali.  Tra i testi più antichi e significativi ci sono: “Description de l’Egypte”, una raccolta composta di undici volumi che riportano i risultati delle ricerche condotte in Egitto, da parte di numerosi studiosi, tecnici e disegnatori al seguito di Napoleone durante la campagna d’Egitto (1798-1801); “Denkmaeler aus Aegypten und Aethiopien”, che racconta la spedizione scientifica, in Egitto e in Nubia, condotta da Richard Karl Lepsius e il testo “Monumenti dell’Egitto e della Nubia” dell’autore Ippolito Rosellini, egittologo pisano che, tra il 1828 e il 1829, diresse con Jean François Champollion la spedizione franco-toscana in Egitto e in Nubia.
E’ doveroso intitolare al Professor Silvio Curto la biblioteca per la sua costante opera tesa a rendere il Museo un centro di studi internazionali. Fu lui ad accogliere esimi egittologi provenienti da tutto il mondo e a dare grande impulso allo studio e alla ricerca. Ebbe grande attenzione per i giovani dedicandosi con passione ed entusiasmo all’insegnamento universitario per trasmettere loro il tesoro di informazioni di cui era custode.” (Christian Greco)
“A meno di un anno dalla sua scomparsa, è bello ricordare il Prof. Curto dedicandogli un luogo frequentato ogni giorno da molti studiosi e studenti. E’ grazie a lui se oggi possiamo fruire di un patrimonio librario importante e specialistico; e le novità proseguono perché la Biblioteca è oggetto di un progetto di riallestimento ed entro la fine dell’anno si presenterà con spazi e arredi rinnovati. Il Museo Egizio continua la sua trasformazione ponendo al centro la ricerca e il dialogo con la comunità egittologica internazionale”. (Evelina Christillin)
Oggi la Biblioteca dotata di un accesso indipendente, ha ampliato l’orario di apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle ore 10:00 alle ore 17:00 e si avvale anche del supporto dell’Associazione Amici e Collaboratori del Museo Egizio, fondata proprio da Silvio Curto nel 1974.unnamed (1)

L’egittologo, nato a Bra, nel 1919, ebbe una lunga carriera coronata da importanti successi risultato del grande impegno portato avanti soprattutto nel periodo di direzione del Museo durante il quale si impegnò in particolare nell’allestimento del corredo funerario delle tombe di Kha e Merit e nell’avvio della preziosa pubblicazione di un catalogo generale dedicato alle collezioni del Museo. Fondamentale fu anche la sua attività sul campo che lo vide interessato nella missione internazionale organizzata per il salvataggio dei templi della Nubia destinati alla sommersione in seguito alla costruzione della diga di Assuan. Nel 1965 si occupò poi del salvataggio del piccolo templio di Ellesija, trasferito al Museo Egizio, nel 1970 dove è esposto ancora oggi, a fianco della Galleria dei Re.
Guido Curto, figlio di Silvio, ha accolto con particolare riconoscenza l’intitolazione della Biblioteca: “Ringrazio la Presidente Evelina Christillin, e il Direttore Christian Greco per aver dedicato a mio padre Silvio Curto la rinnovata Biblioteca del Museo Egizio da lui tanto amato. Una raccolta libraria che lui aveva costantemente incrementato, perché la riteneva strumento fondamentale per lo studio dei reperti archeologici e per la ricerca scientifica che riteneva dovesse essere strettamente correlata all’attività espositiva del museo. Sono lieto di annunciare oggi il lascito, alla Biblioteca, dei volumi di Egittologia e di carte appartenute a mio padre.  A lui piaceva ricordare l’aneddoto di quando aveva chiesto al compianto Avvocato Gianni Agnelli un aiuto economico nell’acquisto di un prezioso e costosissimo volume egittologico, e Agnelli l’aveva poco tempo dopo invitato nel suo ufficio in corso Marconi, facendogli trovare sul tavolo l’opera tanto anelata.

 

Ufficio Stampa Museo Egizio

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here