Armenia. Un libro che non è solo un libro.

0
532

Alberto Elli vive di passioni. E quando le vive le scrive. E’ stato così ogni volta che ha toccato qualcosa che lo ha incuriosito, entusiasmato e infine catturato.

Noi di MediterraneoAntico pubblichiamo da anni i suoi interessantissimi lavori su testi spesso complessi e generalmente introvabili in italiano e siamo quindi lieti di presentare questa sua ultima fatica. Lasciamo la parola a lui, perché l’entusiasmo che traspare da quanto lui stesso ha affidato ai social ben descrive lo stile di questa guida storico archeologica sull’Armenia. Una guida che non è una guida, un saggio che non è un saggio…chiamiamolo dunque per quello che è realmente: un atto d’amore.

Ho finalmente in mano (in libreria sarà nel mese di marzo) il prodotto della mia ultima fatica, questo libro, una guida storico-archeologica dedicato a una nazione, l’Armenia, che mi conquistato fin dalla prima volta che l’ho visitata, nel 2007. Sono rientrato dall’Armenia con il desiderio di ritornarci, e l’ho poi fatto più volte, ma anche con … una grammatica armena! Mi sono infatti dedicato allo studio di quella bella ma difficile lingua, anche se con scarsi risultati(!): sono sempre, infatti, stato convinto che solo studiando (“Imparando” è un termine troppo impegnativo per me) la lingua di un popolo è possibile capire a fondo la civiltà e lo spirito degli uomini e delle donne che quella civiltà hanno espresso e continuano orgogliosamente a esprimere.
Questo libro è quindi una mia testimonianza di ammirazione e di amore per un popolo che ha avuto un passato glorioso e, soprattutto, ha dimostrato un attaccamento viscerale alla sua fede cristiana, sua vera anima inalienabile, per adesione alla quale non ha esitato a passare anche attraverso la terribile prova del genocidio. E dire che molti non sanno che farsene della propria fede!
Così scrive il dott. Pietro Kuciukian, console onorario della Repubblica d’Armenia a Milano, nella prefazione al libro:
«Alberto Elli scrive di storia, di archeologia, di una nazione rinata che guarda al futuro, ma vuole soprattutto svelare i tesori del passato comunicandoci il significato in essi racchiuso: luoghi di gioie, dolori, speranze, luoghi di vita comunitaria, di cultura, di creatività, monasteri, chiese, fortezze, cimiteri, croci di pietra, luoghi di fede che emanano il valore dello spirito armeno. … 
L’Armenia ha vissuto anni difficili, ma dopo ogni tappa drammatica della sua storia l’“uomo armeno” e stato capace di riprendere vigore, di ricostruire la societa civile, di riparare i monumenti, di far rinascere le tradizioni, di riprogettare il futuro. …
Il lavoro di Alberto Elli e riuscito di fatto a comunicarci questa realtà, a rinsaldare i legami tra l’Armenia e l’Occidente, tra l’Armenia e l’Italia, offrendoci la possibilità di conoscere, capire e discernere, preparando tutti noi a “vedere” veramente l’Armenia, la vitalità, lo spessore culturale e la fede di un popolo».

Paesaggio armeno da www.intrepidtravel.it

Acquistando questo libro (cliccando sul banner sottostante) contribuisci alla realizzazione dei progetti di Mediterraneo Antico.





Articolo precedenteI sacrifici umani nell’antica Roma
Prossimo articoloRoma: la Guerra Sociale
Paolo Bondielli

Storico, studioso della Civiltà Egizia e del Vicino Oriente Antico da molti anni. Durante le sue ricerche ha realizzato una notevole biblioteca personale, che ha messo a disposizione di appassionati, studiosi e studenti. E’ autore e coautore di saggi storici e per Ananke ha pubblicato “Tutankhamon. Immagini e Testi dall’Ultima Dimora”; “La Stele di Rosetta e il Decreto di Menfi”; “Ramesse II e gli Hittiti. La Battaglia di Qadesh, il Trattato di pace e i matrimoni interdinastici”.

E’ socio fondatore e membro del Consiglio di Amministrazione dell’Associazione Egittologia.net. Ha ideato e dirige in qualità di Direttore Editoriale, il magazine online “MA – MediterraneoAntico”, che raccoglie articoli sull’antico Egitto e sull’archeologia del Mediterraneo. Ha ideato e dirige un progetto che prevede la pubblicazione integrale di alcuni templi dell’antico Egitto. Attualmente, dopo aver effettuato rilevazioni in loco, sta lavorando a una pubblicazione relativa Tempio di Dendera.

E’ membro effettivo del “Min Project”, lo scavo della Missione Archeologica Canario-Toscana presso la Valle dei Nobili a Sheik abd el-Gurna, West Bank, Luxor. Compie regolarmente viaggi in Egitto, sia per svolgere ricerche personali, sia per accompagnare gruppi di persone interessate a tour archeologici, che prevedono la visita di siti di grande interesse storico, ma generalmente trascurati dai grandi tour operator. Svolge regolarmente attività di divulgazione presso circoli culturali e scuole di ogni ordine e grado, proponendo conferenze arricchite da un corposo materiale fotografico, frutto di un’intensa attività di fotografo che si è svolta in Egitto e presso i maggiori musei d’Europa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here