La Bibliotheca Alexandrina e il website “Hieroglyphs step by step”

0
204

Il 2022 si prospetta come anno di grandi avvenimenti per l’Egitto. Quest’anno, infatti, si festeggiano due grandi ricorrenze: 200 anni dalla decifrazione della lingua geroglifica e 100 anni dalla scoperta della tomba di Tutankhamen.

In occasione del bicentenario della decifrazione dei geroglifici da parte di Champollion, il British Museum presenta la mostra “Hieroglyphs: unlocking ancient Egypt” che si terrà dal 13 ottobre 2022 al 19 febbraio 2023 nella Sala 30 della Sainsbury Exhibitions Gallery, di cui avevamo parlato nell’articolo British Museum: “Hieroglyphs: unlocking ancient Egypt”. Una mostra per il bicentenario dalla decifrazione dei geroglifici.

Nell’ambito di questa ricorrenza, vogliamo ricordare uno strumento importantissimo lanciato nel 2015 dalla Bibliotheca Alexandrina, la nuova Biblioteca di Alessandria d’Egitto: “Hieroglyphs step by step”. Si tratta di un progetto on going, ovvero che viene aggiornato e migliorato costantemente, del Centro Scrittura e Testi della Bibliotheca Alexandrina in collaborazione con il Dipartimento di Tecnologia Informatica, ed è il primo sito internet interattivo dell’antica lingua egiziana che affianca non solo gli studenti universitari ma permette, a coloro che vogliono apprendere i geroglifici a tutti i livelli, di imparare la lingua degli antichi egizi. La piattaforma “Hieroglyphs step by step” è disponibile sia in lingua araba che in lingua inglese, ed offre corsi, esercizi, esami, parole in geroglifico, esempi tratti dai manufatti e un dizionario per poter imparare a leggere la lingua. Il progetto dà, inoltre, la possibilità di accedere a risorse bibliografiche gratuite, tra cui articoli e testi di Egittologia, l’Egyptological Book Series Online, il sito dell’Oriental Institute di Chicago, il Denkmaeler aus Aegypten und Aethiopien di Carl Richard Lepsius, il Topographical Bibliography di Bertha Porter e Rosalind Moss, giornali e periodici, programmi per la scrittura digitale, dizionari e progetti, come Amarna Project, Edfu Project, Project Rosette, e The Digital Library of Inscriptions and Calligraphies.

Advertisement
Articolo precedenteL’avvocatura femminile nella Roma repubblicana: il caso di Ortensia
Prossimo articoloGre Fılla Höyük: rinvenuta struttura “cultuale” simile a Göbekli Tepe

Laureata in Archeologia Orientale presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” con una tesi magistrale in Archeologia Egiziana dal titolo “Iside nei testi funerari e nelle tombe del Nuovo Regno: iconografia e ruolo della dea tra la XVIII e la XIX dinastia” (2013), ha conseguito un master di primo livello in “Egittologia. Metodologie di ricerca e nuove tecnologie” presso la medesima Università (2010-2011). Durante il master ha sostenuto uno stage presso il Museo Egizio de Il Cairo per studiare i vasi canopi nel Nuovo Regno (2010). Ha partecipato a diversi scavi archeologici, tra i quali Pompei (scavi UniOr – Casa del Granduca Michele, progetto Pompeii Regio VI, 2010-2011) e Cuma (scavi UniOr – progetto Kyme III, 2007-2017). Inoltre, ha preso parte al progetto Research Ethiopic language project: “Per un nuovo lessico dei testi etiopici”, finanziato dall’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente e dal progetto PRIN 2005 “Catene di trasmissione linguistica e culturale nell’Oriente Cristiano e filologia critico testuale. Le problematiche dei testi etiopici: testi aksumiti, testi sull’età aksumita, testi agiografici di traduzione” (2006-2007). Ha collaborato ad un progetto educativo rivolto ai bambini della scuola primaria per far conoscere, attraverso sperimentazioni laboratoriali, gli usi e i costumi dell’antico Egitto e dell’antica Roma (2014-2015). È stata assistente di ricerca presso la Princeton University (New Jersey) per “The Princeton Ethiopian, Eritrean, and Egyptian Miracles of Mary digital humanities project (PEMM)” (2020-2021). Ricercatrice indipendente, attualmente è anche assistente di ricerca per il Professor Emeritus Malcolm D. Donalson (PhD ad honorem, Mellen University). Organizza e partecipa regolarmente a diverse attività di divulgazione, oltre a continuare a fare formazione. Collabora con la Dott.ssa Nunzia Laura Saldalamacchia al progetto Nymphè. Archeologia e gioielli, e con la rivista MediterraneoAntico, occupandosi in modo particolare di mitologia. Appassionatasi alla figura della dea Iside dopo uno studio su Benevento (Iside Grande di Magia e le Janare del Sannio. Ipotesi di una discendenza, Libreria Archeologica Archeologia Attiva, 2010), ha condotto diversi studi sulla dea, tra cui Il Grande inno ad Osiride nella stele di Amenmose (Louvre C 286) (Master di I livello in “Egittologia. Metodologie di ricerca e nuove tecnologie”, 2010); I culti egizi nel Golfo di Napoli (Gruppo Archeologico Napoletano, 2016); Dal Nilo al Tevere. Tre millenni di storia isiaca (Gruppo Archeologico Napoletano, 2018 – Biblioteca Comunale “Biagio Mercadante”, Sapri 2019); Morire nell’antico Egitto. “Che tu possa vivere per sempre come Ra vive per sempre” (MediterraneoAntico 2020); Il concepimento postumo di Horus. Un’ analisi (MediterraneoAntico 2021); Osiride e Antinoo. Una morte per annegamento (MediterraneoAntico 2021); Culti egiziani nel contesto della Campania antica (Djed Medu 2021); Nephthys, una dea sottostimata (MediterraneoAntico 2021). Sua è una pubblicazione una monografia sulla dea Iside (A history of the Goddess Isis, The Edwin Mellen Press, ISBN 1-4955-0890-0978-1-4955-0890-5) che delinea la sua figura dalle più antiche attestazioni nell’Antico Regno fino alla sua più recente menzione nel VII d.C. Lo studio approfondisce i diversi legami di Iside in quanto dea dell’Occidente e madre di Horus con alcune delle divinità femminili nonché nei cicli osiriaco e solare; la sua iconografia e le motivazioni che hanno portato ad una sempre crescente rappresentazione della dea sulle raffigurazioni parietali delle tombe. Un’intera sezione è dedicata all’onomastica di Iside provando a delineare insieme al significato del suo nome anche il compito originario nel mondo funerario e le conseguenti modifiche. L’appendice si sofferma su testi e oggetti funerari della XVIII dinastia dove è presente la dea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here