#accaddeoggi Alea iacta est! Cesare attraversa in armi il Rubicone

0
1851

“Alea iacta est”! Il dado è tratto

Pompeo e Cesare si contendono il potere su Roma.

Karl_Theodor_von_Piloty_Murder_of_Caesar_ [Public domain], via Wikimedia Commons
All’inizio del 49 a.C.,Cesare dai suoi quartieri invernali vicino a Ravenna, fa sapere al senato che si dichiarava disposto a deporre il comando se anche Pompeo l’avesse fatto. La risposta che ottenne fu negativa, era Cesare stesso a dover porre fine unilateralmente alle sue cariche. Minacciato dal veto di due tribuni, uno dei quali era Marcantonio,il senato pronunciò il senatu consultum ultimum affidando di fatto a Pompeo e ai consoli il compito di difendere lo Stato. Appresa questa decisione, Cesare varcò in armi il torrente Rubicone che segnava il confine tra la Gallia Cisalpina e il territorio civico di Roma, dando così inizio alla guerra civile.

Pompeo assieme ai consoli e a un buon numero di senatori abbandonarono Roma e si diressero verso Brindisi per imbarcarsi verso l’Oriente.

Articolo precedenteDaniele Malfitana nominato socio corrispondente del prestigioso Istituto archeologico germanico
Prossimo articoloPompei diventa Parco archeologico e sarà diretto da un manager internazionale
Alessandra Randazzo

Studia Lettere Classiche presso il DICAM dell’Università di Messina. Ha ricoperto il ruolo di redattrice e social media manager per www.mediterraneoantico.it e attualmente per la testata Made in Pompei, inoltre è Ufficio Stampa per la società di videogames storici Entertainment Game Apps, Ltd.
Durante la carriera universitaria ha partecipato a numerose campagne di scavo e ricognizione presso siti siciliani e calabresi.
Per la cattedra di Archeologia e Storia dell’arte Greca e Romana presso il sito dell’antica Finziade, Licata (AG) sotto la direzione del Prof. G.F. La Torre, febbraio-maggio 2012; per la cattedra di Topografia Antica presso Cetraro (Cs) sotto la direzione del Prof. F. Mollo, luglio 2013; per la cattedra di Topografia Antica e Archeologia delle province romane presso il sito di Blanda Julia, scavi nel Foro, Tortora (Cs) sotto la direzione del Prof. F. Mollo, giugno 2016.
Ha inoltre partecipato ai corsi di:
“Tecnica Laser scanning applicata all’archeologia” in collaborazione con il CNR-IPCF di Messina, gennaio 2012;
Rilievo Archeologico manuale e strumentale presso l’area archeologica delle Mura di Rheghion – tratto Via Marina, aprile-maggio 2013;
Analisi e studio dei reperti archeologici “Dallo spot dating all’edizione”, maggio 2014; Geotecnologie applicate ai beni culturali, marzo-aprile 2016.
Collabora occasionalmente con l’ARCHEOPROS snc con cui ha partecipato alle campagne di scavo:
“La struttura fortificata di Serro di Tavola – Sant’Eufemia D’Aspromonte” sotto la direzione della Dott.ssa R. Agostino (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria) e della Dott.ssa M.M. Sica, 1-19 ottobre 2012;
Locri – Località Mannella, Tempio di Persefone sotto la direzione della Dott.ssa R. Agostino (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria), ottobre 2014;
Nel marzo 2014 ha preso infine parte al Progetto “Lavaggio materiali locresi” presso il cantiere Astaldi – loc. Moschetta, Locri (Rc) sotto la direzione della Dott.ssa M.M. Sica.

Collabora attualmente con la redazione di: www.osservarcheologia.eu

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here