Antico Egitto a Vicenza con la mostra “I Creatori dell’Egitto Eterno”,...

I creatori dell’Egitto eterno Scribi, artigiani e operai al servizio del faraone Basilica Palladiana, Vicenza, 22 dicembre 2022 - 7 maggio 2023 A cura di Christian Greco,...

#Domenicalmuseo – 6 maggio ingresso gratuito al Parco archeologico di Ercolano...

Torna il 6 maggio Domenicalmuseo, evento voluto dal Ministero per i Beni Culturali che promuove la visite dei siti culturali e aree archeologiche con...

SOUNDStories Strepitz & Area open project

Mercoledì 7 settembre un appuntamento da non perdere al Parco archeologico di Velia: all’interno del suggestivo scenario del teatro greco, alle ore 17.30, si terrà il concerto “SOUNDStories”. In occasione dell’evento, alle ore 16.00, è in programma una visita guidata all’area archeologica a cura del Consorzio arte’m con partenza dalla biglietteria

La Dama di Napoli

A dispetto del nome che indicherebbe una statua femminile, si tratta in realtà di un dignitario che per via dell’abbigliamento e della parrucca fu scambiato in passato per una rappresentazione femminile. E’ il reperto più antico presente nella collezione e risale alla III dinastia, che regnò in Egitto intorno al 2700 a.C. circa, scoperto nel sito di Saqqara, non distante della Piana di Giza che ospita le tre celebri piramidi.

Torna la campagna social del MIBACT: mostri, unicorni e gorgoni. Animali...

Come ogni mese torna la campagna social promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività e del Turismo per promuovere le collezioni degli oltre 400 musei e luoghi della cultura statali in tutta Italia. Dopo aver celebrato la donna, il mese di marzo continua infatti all’insegna di una vera e propria caccia digitale ispirata anche alle locandine che animano il profilo Instagram @Museitaliani, alla scoperta dei mostri e delle creature fantastiche nell’arte.

Merida: in una sepoltura di epoca romana un cosmetico per il...

Dopo anni dalla sua scoperta, un gruppo di ricercatori del Consorcio Ciudad Monumental de Mérida, dell'Università di Granada (UGR) e dell'Istituto dei Beni Culturali di Spagna ha condotto uno studio su un contenitore per il trucco di epoca romana trovato in Spagna, risalente per la precisione al I secolo d.C.