mercoledì, 30 Novembre, 2022

Egitto: scoperto a Saqqara un luogo di sepoltura per la classe...

La missione archeologica polacca guidata dal dott. Kamil Kuraszkiewicz ha riportato alla luce nell’area sud di Saqqara un luogo di sepoltura destinato ad una classe sociale non elitaria. Al momento del ritrovamento il cimitero conservava ancora centinaia di mummie risalenti a 2000 e 2600 anni fa. Ciò che stupisce sono i segni geroglifici e le immagini ritrovate nelle sepolture: nonostante la presenza di simboli e di due figure di Anubi rappresentate una di fronte all’altra, è probabile che l’artista fosse analfabeta.

Nasce Mic, la card annuale a 5 euro per visitare tutti...

Dalla primavera del 2018 i cittadini potranno entrare in tutti i musei civici semplicemente acquistando la nuova tessera Mic che, al costo di 5 euro,...

Dopo trent’anni tornano visibili gli affreschi della domus adrianea presso le...

Tornano nuovamente visibili dopo trent’anni gli affreschi di una lussuosa domus adrianea – scoperta tra il 1858 e il 1869 dall’Ispettore onorario dei Monumenti...

Importante recupero del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale. Rientra in Italia una...

Un altro importante reperto appartenente al nostro immenso patrimonio archeologico sta per ritornare in Italia: la dea dell’amore Afrodite raffigurata in una statua del...

Alla scoperta di Palazzo Dall’Armi Marescalchi

Giovedì 24 ottobre 2019, ore 16:00Visita guidata al palazzo seicentesco dei Dall'Armi ridisegnato nell'Ottocento da Ferdinando MarescalchiA cura della storica dell’arte Patrizia Farinelli Curiosità e...

Più di 59 sarcofagi, statue e amuleti: un ricco “bottino” dalla...

Con un’importante copertura mediatica si è tenuta ieri a Saqqara la conferenza stampa indetta dal Ministero del Turismo e delle Antichità egiziano. Il ministro delle antichità, il dott. Khaled el-Anani, ha annunciato la scoperta di tre pozzi funerari di 10, 11 e 12 m di profondità contenenti più di 59 sarcofagi antropomorfi e policroni tutti ancora in buone condizioni e perfettamente sigillati.