La villa e la pieve. Storia e trasformazioni di S. Giovanni in Ottavo di Brisighella tra l’età romana e il Medioevo

0
506

venerdì 30 settembre, ore 18

Parrocchia di S. Giovanni Battista in Ottavo (Pieve del Thò)

Via Siepi 1

Brisighella (RA)

 Presentazione del volume

La villa e la pieve

Storia e trasformazioni di S. Giovanni in Ottavo di Brisighella tra l’’età romana e il Medioevo

a cura di Chiara Guarnieri

Intervengono

Mons. Mario Toso, Vescovo Diocesi Faenza-Modigliana

Mons. Mariano Faccani Pignatelli, Delegato Diocesano per l’Arte Sacra e Beni Culturali e Direttore dell’Ufficio

Don Mirko Santandrea, Amministratore Parrocchiale Pieve Thò

Davide Missiroli, Sindaco del Comune di Brisighella

Giorgio Cozzolino, Soprintendente Archeologia Belle Arti e Paesaggio di Ravenna, Forli-Cesena, Rimini

Chiara Guarnieri, Archeologa della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara

Sono presenti gli autori

Costruita sui resti di una villa rustica situata lungo l’antica strada romana che da Faenza portava a Firenze, lungo la Valle del Lamone, deve il suo nome al fatto di sorgere all’’ottavo miglio della Via Faventina. La Pieve di San Giovanni in Ottavo, o Pieve del Thò come viene comunemente chiamata, è una delle pievi romaniche più suggestive e meglio conservate del territorio ravennate. Già menzionata in una pergamena del 909, ha subito varie modifiche anche se l’’impianto principale resta quello dell’inizio del XII secolo, come attesta un’’iscrizione su un capitello recante la data 1100.

Nonostante questa storia millenaria, problemi, trasformazioni e documenti di questo straordinario edificio non erano mai stati raccolti in uno studio organico e complessivo che presentasse il maggior numero di informazioni possibili su quanto sopravvissuto.

Il volume curato dall’’archeologa Chiara Guarnieri si propone di colmare questa lacuna raccogliendo i contributi di numerosi specialisti che affrontano, ciascuno secondo la propria professionalità, i tanti aspetti di un edificio che ha subito nei secoli molte trasformazioni e le cui fasi iniziali sono testimoniate da reperti frammentari e non facilmente interpretabili.

Con l’’aiuto delle più avanzate metodologie scientifiche (come le indagini condotte sulla cripta) e avvalendosi anche dell’’apporto delle fonti archivistiche e dei restauri eseguiti nella chiesa, il volume illustra gli studi che a partire dal XVII secolo si sono interessati a questo edificio: dall’’analisi del territorio in età romana alle fasi di costruzione e trasformazione della Pieve del Thò, dai materiali ceramici, lapidei e architettonici di epoca romana ai reimpieghi di età altomedievale e medievale

http://www.archeobologna.beniculturali.it/ra_brisighella/pieve_tho/pieve_tho.htm

La villa e la pieve

Storia e trasformazioni di S. Giovanni in Ottavo di Brisighella tra l’età romana e il Medioevo

a cura di Chiara Guarnieri

Con contributi di Dante Abate, Andrea Alberti, Paolo Casadio, Francesca Cenerini, Chiara Guarnieri, Stefano Lugli, Simonetta Minguzzi, Giovanna Montevecchi, Paola Novara, Paolo Pallante, Enrico Maria Selmo, Claudia Tempesta

2016, Editore Ante Quem S.r.l.

Prezzo di copertina euro 24,00

Il volume fa parte della DEA, Documenti ed Evidenze di Archeologia, collana della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here