Camminando nella storia. Alla scoperta di scavi e reperti dall’area urbana di Bologna

0
518

BOLOGNA

Palazzo Ancarano, sede del settore archeologia della Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara
Via Belle Arti n. 52

SABATO 24 SETTEMBRE, dalle 10.30 alle 13.30 (ingresso libero)

Camminando nella storia. Alla scoperta di scavi e reperti dall’area urbana di Bologna
Porte aperte a Palazzo Ancarano: percorso guidato alla scoperta degli scavi urbani più recenti, curiosità della Bologna antica e visite guidate al laboratorio di restauro e ai reperti conservati nel Cortile d’Onore

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio archeologi, restauratori e personale della Soprintendenza accolgono il pubblico nel prestigioso palazzo di Via Belle Arti 52 che per un certo periodo ha ospitato il Collegio Ancarano, fondato all’inizio del XV secolo per dare alloggio agli studenti poveri di diritto civile e canonico, e che dall’aprile del 1925 ospita gli uffici dell’Istituto.
Gli archeologi illustreranno ai visitatori alcuni scavi recenti effettuati in area urbana -a cominciare da quelli sull’antico tracciato della Via Emilia realizzati in Via Ugo Bassi e Rizzoli in occasione del cantiere BoBo- e guideranno il pubblico in un percorso tra i manufatti conservati nel Cortile d’Onore di palazzo Ancarano, arricchito quest’anno da nuovi reperti restaurati dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Bologna. Particolare attenzione sarà riservata alle stele tra cui spiccano quella diTitus Eborellius (con quella che oggi chiameremmo una famiglia allargata, concubina più tre liberti), di Caius Fricinius Primicenus e della moglie Aelania Parthenope, e di un’intera famiglia di sei persone sepolta lungo la via Emilia, in località Bitone. Lapidari spaccati di vita vissuta che nel tramandare nomi, parentele e status sociale dei cittadini della Bologna romana, fanno luce sulla storia di Bononia e dei suoi abitanti dalla tarda età repubblicana alla prima età imperiale (fine I secolo a.C. – I secolo d.C.).
Il pubblico potrà poi visitare il laboratorio di restauro e apprendere dalla viva voce dei restauratori problematiche e tecniche più innovative nel campo della conservazione dei reperti antichi.
Sarà infine distribuito un piccolo depliant con alcune curiosità sulla Bologna archeologica ‘nascosta’

Ingresso libero – info 051 223773

http://www.archeobologna.beniculturali.it/mostre/gep_2016.htm

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here