Individuata un’estensione del Tempio di Edfu

0
2086
Sopralluogo ad Edfu (ph. Egypt Today)

Grazie ad un intervento della polizia del turismo e delle antichità è stata scoperta una nuova area archeologica che si crede essere un’estensione del Tempio di Edfu, il grande tempio dedicato al culto del dio Horus vicino alla città di Assuan, fondato nell’Antico Regno, restaurato durante il Nuovo Regno e successivamente inglobato nella nuova ricostruzione templare, tuttora perfettamente conservata, avvenuta durante il Periodo Tolemaico.

I militari avevano notato movimenti sospetti intorno ad una abitazione, sospetti che si sono ben presto tramutati in fatti: all’interno della casa si stavano effettuando ricerche illegali di manufatti antichi. Irrompendo nell’abitazione i militari hanno trovato un buco scavato nel terreno di 4 metri di profondità e una cripta di 300 metri proprio nei pressi del Tempio di Edfu, nonché diversi reperti risalenti al Periodo Tolemaico.

La stele del Periodo Tolemaico che rappresenta un sovrano offrire un collare ad Horus (ph. Egypt Today)

Un comitato archeologico chiamato per il primo sopralluogo, dopo tre ore di indagini all’interno della cripta, è riuscito a far emergere una stele in arenaria dove è raffigurato un sovrano che presenta offerte al dio Horus e molte colonne. Tutto questo induce a pensare che si possa trattare proprio di un’estensione del tempio dedicato al dio falco. I reperti ritrovati saranno spostati per ulteriori approfondimenti e lavori di conservazione dopo la fine delle indagini.

 

 

 

Frammenti di decorazioni (ph. Egypt Today)
Il buco scavato all’interno dell’abitazione ((ph. Egypt Today)    
Advertisement
Articolo precedenteMito-Mania al Museo archeologico di Napoli
Prossimo articoloAl Museo Egizio una visita guidata tra formule magiche e geroglifici per scoprire “Geroglifici…che emozione!”
Tiziana Giuliani

Egittofila, sin dall’infanzia appassionata di Antico Egitto, collabora con l’associazione Egittologia.net dal 2010. Ha contribuito alla realizzazione di EM-Egittologia.net Magazine (rinominato poi MediterraneoAntico) seguendone la pubblicazione già dai primi numeri e ricoprendo in seguito anche il ruolo di coordinatrice editoriale. Dal 2018 è capo redattrice di MediterraneoAntico.

Organizza conferenze ed eventi legati al mondo degli Egizi, nonché approfondimenti didattici nelle scuole di primo grado. Ha visitato decine di volte la terra dei faraoni dove svolge ricerche personali; ha scritto centinaia di articoli per la ns. redazione, alcuni dei quali pubblicati anche da altre riviste (cartacee e digitali) di archeologia e cultura generale. Dall’estate del 2017 collabora con lo scrittore Alberto Siliotti nella realizzazione dei suoi libri sull’antico Egitto.

Appassionata di fotografia, insegna ginnastica artistica ed ha una spiccata predisposizione per le arti in genere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here