Egitto: scoperto un impianto termale greco-romano

0
1600
L'impianto termale greco-romano in mattoni rossi (ph. MoA)

Una missione archeologica egiziana dello SCA, il Consiglio Supremo delle Antichità, ha scoperto parti di un enorme edificio in mattoni rossi durante gli scavi effettuati presso il sito archeologico di San El-Hagar nel governatorato di Gharbiyya, nel Delta del Nilo, tra il ramo di Rosetta e quello di Damietta.
L’edificio dovrebbe essere parte di un impianto termale risalente al periodo greco-romano e misura circa 16 metri di lunghezza.
La missione guidata dal dr. Saeed al-Asal ha trovato anche vasi di ceramica, statue di terracotta, utensili di bronzo, un frammento di un blocco di pietra con incisi segni geroglifici e una piccola statua di un ariete, ma tra i manufatti scoperti il più importanti è certamente una moneta d’oro di epoca Tolemaica che raffigura il terzo sovrano dell’omonima dinastia. La moneta in realtà fu coniata da Tolomeo IV in memoria di suo padre Tolomeo III. Il suo diametro è di 2.6 cm e pesa circa 28 grammi. Su una delle facce della moneta vi è ritratto Tolomeo Evergete coronato, mentre sull’altro lato vi è una cornucopia, simbolo di prosperità, circondata dal nome del re.

Moneta in oro con Tolomeo III (ph. MoA)

La missione dovrebbe completare il lavoro di rilevamento per identificare altre parti della struttura e la definire bene la sua funzione durante le prossime stagioni.

Source: MoA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here