The land and urban repair. La funzione sociale e culturale del Paesaggio. Tendere verso la bellezza

0
512

Il prossimo 14 marzo si celebra la prima Giornata nazionale del Paesaggio, istituita, nello spirito della Convenzione Europea del Paesaggio (D.M. n.457/2016) al fine di richiamare il Paesaggio quale valore identitario del Paese e per trasmettere alle nuove generazioni il messaggio che la tutela del Paesaggio e la memoria storica che ne deriva costituiscono valori culturali essenziali per uno sviluppo consapevole del territorio.

In occasione della Giornata Nazionale del Paesaggio la Soprintendenza organizza una giornata di studi volta ad offrire una panoramica dell’attività di tutela e delle esperienze di restauro e riqualificazione, raccontate dai Funzionari che operano sul territorio.

Il recupero o la conservazione del paesaggio dal punto di vista estetico (“il paesaggio è l’ambiente nei suoi aspetti visivi “, vv.  Sentenza 367/2007 Corte Costituz.), può essere veicolo di riscatto sociale e culturale. Vivere in un paesaggio ben conservato o ben recuperato predispone maggiormente al rispetto di sé, dell’altro e, di conseguenza, dei luoghi e stimola il senso dell’appartenenza.

 Programma

10.00 – A. Russo – Saluti e introduzione alla giornata

10:10 – G. Proietti – La tutela del Paesaggio nell’azione dell’Ufficio Centrale per i Beni Ambientali e Paesaggistici

10:30 – A. Bureca – L’esperienza della tutela: le trasformazioni del Paesaggio negli ultimi anni

10:45 – R. Martines – Paesaggio e Bello: bellezze individue e bellezze di insieme

11:30 – Pausa caffè

11:45 – R. Strati – Il tema del restauro del Paesaggio

12:00 – F. Cerroni – La tutela del Paesaggio e il riconoscimento delle sue identità, la rappresentazione scalare dei valori paesaggistici

12:30 – Dibattito

13:00–14.30 – Pausa pranzo

14:30 – C. Castagnoli – La tenuta del Muro dei Francesi: un unicum di valenze culturali da tutelare

15: 00 R. Strati, Z. Mari – Il vincolo paesaggistico di Guidonia Montecelio: ricomposizione e preservazione di natura e cultura

15:30 – M. Occhetti – Il recupero del Paesaggio dopo il terremoto

16:00 – Pausa caffè

16:30 – S. Carosi – Paesaggi antichi e moderni a Vulci

16:50 – S. Gatti, R. Zaccagnini – Il paesaggio archeologico: un restauro (quasi) impossibile

17:10 – S. Sgalambro – Il sistema degli acquedotti in rapporto al paesaggio: l’esempio del Ponte Barocelli dell’Anio Novus e dell’Aqua Claudia

17:30 – Dibattito

Info:

14 marzo, ore 10.00

Palazzo Patrizi Clementi, Sala delle Colonne Doriche

Via Cavalletti 2, Roma

06 67233000

Per partecipare al convegno occorre registrarsi inviando una mail a: sabap-rm-met.soprintendente@beniculturali.it entro e non oltre il 10 marzo 2017

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here