Il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria continua ad attirare centinaia di migliaia di visitatori non solo per i Bronzi di Riace e la sua straordinaria collezione di reperti provenienti da tutta la regione, ma anche grazie a una ricca programmazione di mostre temporanee.

Pithos “a bombarda” proveniente dalla necropoli di Ianchina (Locri, RC) datato alla prima età del Ferro (VIII secolo a.C.). Foto autrice.

Oggetti noti affiancano manufatti finora sconosciuti e presentati per la prima volta al pubblico, per raccontare sempre storie differenti, scelte per affascinare il grande pubblico e avvicinarlo al suggestivo mondo dell’antichità. Il direttore Carmelo Malacrino, che da oltre tre anni guida il MArRC, ha attivato numerosi rapporti di collaborazione con i principali musei della Magna Grecia, portando nella città dello Stretto veri e propri capolavori di età greca e romana, come l’eccezione pittura su marmo del Museo Archeologico Nazionale di Napoli che raffigura alcune fanciulle che giocano con gli astragali.

Tre le mostre che attualmente il Museo offre ai suoi visitatori, senza alcun biglietto aggiuntivo. La prima, dedicata a Tanino de Santis. Una vita per la Magna Grecia, presenta circa 300 oggetti della collezione de Santis, recentemente acquisita dal Museo e interamente restaurata. Poi, Oikos. La casa in Magna Grecia e Sicilia offre la possibilità di vivere l’esperienza di conoscere le abitazioni dei Greci d’Occidente, immergendosi nei suoi ambienti tra reperti eccezionali. Infine, ad accogliere i visitatori c’è l’esposizione I sapori delle origini. La cultura del cibo nella Calabria protostorica, curata dal direttore Malacrino e dagli archeologi Francesco Quondam ed Ivana Vacirca.

Perché una mostra sul cibo delle origini? Fra i tanti temi che potevano essere scelti, come mai proprio questo? Una delle risposte alla nostra domanda è sicuramente da ritrovare nella proclamazione del 2018 come Anno del cibo italiano.

La mostra I sapori delle origini. La cultura del cibo nella Calabria protostorica allestita nello spazio di Piazza Paolo Orsi al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria. Foto autrice.

Già con Abemus in cena. A tavola con i Romani, il team del MArRC aveva conquistato i visitatori, conducendoli in un viaggio alla scoperta di quelle che erano le abitudini alimentari in epoca romana. Avendo così stuzzicato la nostra sete di conoscenza, la domanda in noi sorge ora spontanea; prima dei Romani e prima ancora dei coloni giunti sulle nostre coste dalla vicina Grecia, le popolazioni indigene di cosa si nutrivano? Quali erano i manufatti legati alle consuetudini alimentari?

Dalle analisi chimiche dei residui presenti nei contenitori, si è potuto confermare che già sul finire dell’età del Bronzo, le colture della vite e dell’olivo erano state addomesticate. Ebbene sì, già in epoca protostorica sui fertili suoli calabresi si potevano cogliere questi frutti che durante l’età del Ferro, agli inizi del I millennio a.C., portarono rapidamente in coltivazioni “specializzate”. La coltivazione base restava comunque quella di cereali e legumi, alimenti principali della dieta protostorica, alla quale ben presto si aggiunse la coltivazione di alcuni frutti: fichi, datteri e melograni. Le coltivazioni erano poi affiancate dall’allevamento di bovini, caprini, ovini e maiali, le cui carni rappresentavano l’altra fonte importante di sostentamento della comunità.

Ma dove avvenivano la lavorazione, la preparazione e la consumazione dei pasti? Diventate ormai comunità sedentarie, i villaggi avevano una continuità di frequentazione con capanne di diverse dimensioni. Al loro interno venivano svolte varie attività legate all’alimentazione: nella zona principale erano poste le macine in pietra lavica per la macinazione dei cereali, mentre le piastre di cottura venivano allestite con piani rialzati in argilla con al di sotto le braci. I forni potevano essere in argilla, sorretti da strutture in pietra o in terra cruda, oppure sfruttare buche poco profonde, con coperture in paglia ed argilla cruda.

In primo piano, lo straordinario orcio su un piede con ricca decorazione incisa, proveniente dalla necropoli di Ianchina (Locri, RC) datato alla prima età del Ferro (VIII secolo a.C.). Foto autrice.

È bene sapere che ogni tipologia di vaso serviva per una specifica funzione: le olle, oltre ad essere usate come pentole, servivano anche a conservare gli alimenti; gli scodelloni erano usati per la lavorazione dei cibi o come semplici contenitori; le ciotole, servivano per bere o per mangiare; tazze, boccali e brocche venivano usate sia per bere, che per attingere i liquidi dai grandi contenitori, quali dolii, pithoi e orci destinati alla conservazione di derrate alimentari.

Tuttavia, questi grandi vasi, pithoi e dolii, potevano essere usati anche per assolvere ad altre funzioni ben diverse da quelle legate alla sfera alimentare. Spesso venivano usati anche per le cosiddette sepolture a enchytrismos, che prevedevano la deposizione del defunto al loro interno.

Queste sono le forme dei trentotto straordinari reperti provenienti dai siti protostorici più importanti del territorio Calabrese, esposti, alcuni per la prima volta, nello spazio di Piazza Paolo Orsi al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria.

Particolare della mostra. Foto autrice.

Un percorso espositivo che, attraverso sei vetrine, accompagna il visitatore lungo tutta la Calabria protostorica, alla scoperta dei corredi delle necropoli di Torre Galli di Drapia (VV) e di Sant’Onofrio di a Roccella Jonica (RC), databili tra la fine età del Bronzo e gli inizi età del Ferro, ma anche della necropoli di Ianchina a Locri (RC) e di Castellace di Oppido Mamertina (RC), entrambe in uso nella Prima età del Ferro. Fra reperti esposti meritano una particolare menzione: la tazza monoansata della necropoli di Torre Galli, datata X-IX secolo a.C.; la ciotola monoansata della necropoli di Sant’Onofrio, datata al X-IX secolo a.C.; lo scodellone monoansato su piede della necropoli di Ianchina, datato all’VIII secolo a.C.; l’orcio su piede della necropoli di Ianchina datato all’VIII secolo a.C., utilizzato per la realizzazione della locandina e della copertina del catalogo della mostra.

Non siete curiosi di vedere e conoscere le forme dei vasi di cui abbiamo parlato e di scoprire con cosa cucinavano e mangiavano i nostri antenati? Allora non resta altro che andare al MArRC ed essere sopraffatti dalla singolare bellezza di questa Mostra.

Articolo precedente11 ottobre, Christian Greco a Ostia Antica
Prossimo articolo“Nerone e le Imperatrici”, visita spettacolarizzata alla Villa di Poppea
Alessia Chillemi

Dopo la maturità scientifica si è trasferita a Reggio Calabria dove, nel marzo 2016, ha conseguito la laurea triennale in Scienze dell’Architettura presso l’Università degli Studi Mediterranea, con votazione 107/110, sviluppando la tesi in Architettura Antica dal titolo Il Teatro di Locri Epizefiri. La Struttura dall’età ellenistica all’età romana. Durante la carriera universitaria ha svolto varie ricerche in ambito storico-archeologico riguardanti: le mura greche di Rhegion (RC); i mosaici della villa romana di Casignagna, Locri, (RC) e le architetture teatrali di Tindari (ME) e Locri Epizefiri (RC). Attualmente sta completando gli studi nel corso di laurea Magistrale Architettura -restauro-.

Ha collaborato con il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria (MArRC) in qualità di grafico per le seguenti mostre: “Lo sport in Magna Grecia” a cura di Carmelo Malacrino direttore del MArRC (anno 2016), “NOMISMA. Reggio e le sue monete” a cura di Camelo Malacrino e Daniele Castrizio (anno 2016), “I riflessi della bellezza” a cura di Carmelo Malacrino e Roberta Schenal Pileggi (anno 2017), “Viaggi etnografici di fine ottocento” a cura di Carmelo Malacrino e Marta Tagliani (anno 2017), “Vero o Falso. Il valore dell’originale lo stile dell’imitazione” a cura di Carmelo Malacrino e Patrizia Marra (anno 2017), “Aromata. Profumi e unguenti nell’antichità” a cura di Carmelo Malacrino e Damiano Pisarra (anno 2017), “Zankle e Rhegion. Due città a controllo dello Stretto” a cura di Carmelo Malacrino e Gabriella Tigano (anno 2017), “Dioniso. L’ebbrezza di essere un Dio” a cura di Carmelo Malacrino e Federica Giacobello (anno 2017), “L’impronta dell’antico. Calchi moderni al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria” a cura di Carmelo Malacrino, Angela Quattrocchi e Antonella Maria Foti (anno 2018), “Tanino De Santis. Una vita per la Magna Grecia” a cura di Carmelo Malacrino, Daniela Costanzo e Maurizio Paoletti (anno 2018), “OIKOS. Abitare in Magna Grecia e Sicilia” a cura di Carmelo Malacrino e Maurizio Cannatà (anno 2018).

In occasione del FAMU 2016 e del FAMU 2017, ha collaborato con Carmelo Malacrino, Patrizia Marra, Cristina Versaci e Luisa Zito per la redazione, l’impaginazione e la grafica dei fascicoli didattici da distribuire durante l’evento negli spazi del MArRC.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here