La sfera magica di Atene

0
3379

Il documento di cui tratteremo è conosciuto col nome di “Sfera Magica di Atene” ed è attualmente esposto ad Atene, al primo piano del nuovo Museo dell’Acropoli. L’interesse per questo oggetto nasce innanzitutto dal fatto che esso costituisce un unicum nel suo genere, per il quale non si conoscono confronti nell’ambito del repertorio degli oggetti iscritti di carattere magico-religioso. Si tratta un globo di marmo pentelico, bianco a grana fine, della circonferenza di circa 90 cm, con immagini figurate, iscrizioni e charaktêres, databile al II secolo d.C.
Di recente questo singolare documento, per quasi un secolo noto solo dai disegni dello studio di A. Delatte del 1913, ha acquisito una rinnovata visibilità, essendo stato collocato nel percorso espositivo del nuovo Museo dell’Acropoli di Atene, ed anche per questa ragione non ci è parso inopportuno riprenderlo in esame, ripercorrendone la storia degli studi e pervenendo a nuove ipotesi interpretative riguardo l’identificazione della provenienza e alcuni aspetti di carattere iconografico e religioso.

Articolo precedenteConvegno Nazionale di Orientalistica: “Egitto e Vicino Oriente antichi: tra passato e futuro”
Prossimo articoloQual è il legame tra Pompei e l’assassinio di Giulio Cesare?
Ambra Viglione

Laureata nel 2007 con lode in Archeologia Classica all’Università La Sapienza di Roma, si è specializzata con lode presso la Scuola Archeologica Italiana di Atene nel 2012 e dottorata nuovamente presso l’Università La Sapienza nel 2014. I suoi studi si sono principalmente concentrati sulla ceramica figurata attica di VI sec. a.C., sui culti di Atene, sul culto mitraico a Roma e ad Ostia Antica e sui documenti epigrafici greci di carattere magico. In particolare su quest’ultimo aspetto, ha collaborato alla realizzazione del volume «Scrittura e magia. Un repertorio di oggetti iscritti della magia-greco romana», Opuscula Epigraphica vol. 12, 2010, curato d G. Bevilacqua.

Dal 2002 ad oggi ha preso parte a diverse campagne di scavo a Roma, Ostia, Taranto e Creta, e a laboratori di studio di frammenti ceramici e di intonaci dipinti.

Attualmente affianca al lavoro di ricercatrice quello di guida turistica nella città di Roma, nonché di insegnante di mitologia greca e teatro greco presso l’Università delle Tre Età di Ostia Antica.

E’ membro attivo del Ce.S.P.R.O., Centro Studi della Pittura Romana Ostiense, associazione che promuove la ricerca sulla pittura ad affresco di Ostia Antica a più livelli, da quello scientifico a quello divulgativo, con laboratori pratici per gli studenti delle scuole superiori di tecnica dell’affresco e del mosaico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here