I venerdì di Ercolano tra visite serali e ricostruzioni virtuali

0
1490

Passeggiata sotto le stelle al Parco archeologico di Ercolano. Da venerdì 7 luglio partono nuovi percorsi serali grazie ad un programma in sinergia tra il MAV e il parco archeologico che offriranno ai visitatori percorsi diversificati e da venerdì 14 luglio, in aggiunta, anche ricostruzioni virtuali. I percorsi saranno della durata di circa 60 minuti con ingresso da Corso Resina e partiranno dalle ore 20 in gruppi di max 30 persone; gli ospiti potranno così essere condotti tra gli edifici dell’antica Ercolano e potranno passeggiare ammirando il Sacello degli Augustali illuminato per l’occasione, la Casa di Nettuno e Anfitrite con la sua preziosa fontana policroma, le Terme femminili, la Casa Sannitica e la Casa dei Cervi in una full immersion emozionale in notturna.

Il prezzo del biglietto sarà speciale per l’occasione a soli 2 euro e l’ultimo ingresso è previsto alle ore 22. Successivamente, dai prossimi venerdì, ad accompagnare i fruitori negli scavi anche bellissime ricostruzioni virtuali frutto della sinergica collaborazione tra i due principali attrattori del territorio, una collaborazione ricordiamo fortemente voluta dal neo direttore Francesco Sirano: “Ercolano è terra fertile per eccellenza, per le risapute qualità del terreno e per la vivacità culturale delle istituzioni che ho riscontrato in questi primi mesi di lavoro. Grazie alla reciproca collaborazione stretta con il MAV – continua il direttore Sirano – offriamo ai visitatori un suggestivo percorso all’interno dell’Area archeologica. Stiamo lavorando per ampliare e migliorare la fruizione, e nelle prossime settimane sicuramente i visitatori potranno godere di un percorso più completo e attraente perché possano davvero entrare nell’atmosfera del mondo antico. Ho accettato la sfida di trasmettere a tutto il pubblico le straordinarie scoperte che i gruppi di studio internazionali presenti sul sito stanno facendo da alcuni anni, in particolare in questa occasione ci siamo basati sui lavori dell’Università di Toulouse e della americana Washington and Lee University di Lexington”.

Le visite serali saranno indirizzate anche verso il MAV che venerdì 7 luglio festeggia il nono anno di apertura con ingressi speciali a 2 euro a partire dalle ore 18 e con un’accoglienza alle sale con musica, arte e degustazione di prodotti tipici locali. Così dichiara il direttore del Museo virtuale Ciro Cacciola: “Una serata speciale, dedicata alla musica e all’arte, per ricordare l’anniversario dell’apertura del MAV. Da quel luglio 2008 il MAV è cresciuto, si è trasformato più volte, ha cambiato pelle. Nei prossimi mesi lo farà di nuovo, con allestimenti, installazioni, tecnologie e spazi inediti dove poter vivere una vera ‘esperienza’ immersiva, virtuale, multisensoriale. Ed in attesa del MAV 4.0 abbiamo preparato un piccolo regalo per tutti nostri amici”. Soddisfazione anche da parte anche dei politici della città: “Grazie alla sinergia tra Comune di Ercolano, Parco Archeologico e Mav, quest’anno riusciremo a garantire per oltre tre mesi un appuntamento settimanale con le visite notturne agli Scavi – dice il sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto– . Mettere in mostra la Città antica con un suggestivo percorso di luci significa valorizzare ancora di più un patrimonio unico al mondo. Sulla scorta delle esperienze degli scorsi anni, sono certo che tante persone decideranno di visitare gli Scavi di notte e mi auguro che questa occasione possa rivelarsi utile anche per le attività ricettive della zona. In tal senso, stiamo provvedendo alla pubblicazione di un bando per la concessione di spazi espositivi e di vendita di prodotti artigianali su corso Resina e via IV novembre in occasione delle manifestazioni serali”. Di “spinta alle attività di incoming” parla l’assessore al Turismo Ivana di Stasio, “non replica della visita diurna ma di esperienza per fruire di aspetti inediti, ulteriore offerta per le serate d’estate anche per i cittadini di Ercolano”.

 

 

Articolo precedenteLa storia della Napoli Pitagorica
Prossimo articoloAttività scientifiche 2017 a Stabiae
Alessandra Randazzo

Studia Lettere Classiche presso il DICAM dell’Università di Messina. Ha ricoperto il ruolo di redattrice e social media manager per www.mediterraneoantico.it e attualmente per la testata Made in Pompei, inoltre è Ufficio Stampa per la società di videogames storici Entertainment Game Apps, Ltd.
Durante la carriera universitaria ha partecipato a numerose campagne di scavo e ricognizione presso siti siciliani e calabresi.
Per la cattedra di Archeologia e Storia dell’arte Greca e Romana presso il sito dell’antica Finziade, Licata (AG) sotto la direzione del Prof. G.F. La Torre, febbraio-maggio 2012; per la cattedra di Topografia Antica presso Cetraro (Cs) sotto la direzione del Prof. F. Mollo, luglio 2013; per la cattedra di Topografia Antica e Archeologia delle province romane presso il sito di Blanda Julia, scavi nel Foro, Tortora (Cs) sotto la direzione del Prof. F. Mollo, giugno 2016.
Ha inoltre partecipato ai corsi di:
“Tecnica Laser scanning applicata all’archeologia” in collaborazione con il CNR-IPCF di Messina, gennaio 2012;
Rilievo Archeologico manuale e strumentale presso l’area archeologica delle Mura di Rheghion – tratto Via Marina, aprile-maggio 2013;
Analisi e studio dei reperti archeologici “Dallo spot dating all’edizione”, maggio 2014; Geotecnologie applicate ai beni culturali, marzo-aprile 2016.
Collabora occasionalmente con l’ARCHEOPROS snc con cui ha partecipato alle campagne di scavo:
“La struttura fortificata di Serro di Tavola – Sant’Eufemia D’Aspromonte” sotto la direzione della Dott.ssa R. Agostino (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria) e della Dott.ssa M.M. Sica, 1-19 ottobre 2012;
Locri – Località Mannella, Tempio di Persefone sotto la direzione della Dott.ssa R. Agostino (Soprintendenza per i Beni Archeologici della Calabria), ottobre 2014;
Nel marzo 2014 ha preso infine parte al Progetto “Lavaggio materiali locresi” presso il cantiere Astaldi – loc. Moschetta, Locri (Rc) sotto la direzione della Dott.ssa M.M. Sica.

Collabora attualmente con la redazione di: www.osservarcheologia.eu

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here