“Eppure Pompei ha oggi, più che mai, bisogno del suo Antiquarium. L’estensione graduale degli scavi, la preziosità e la singolarità di alcune scoperte, il dovere, ineluttabile dovere, di difendere dagli agenti atmosferici e dalle insidie, se non dal malvolere degli uomini, tutto ciò che non si può custodire all’aperto, l’utilità infine di presentare raggruppati e classificati i materiali che non si trovano nelle case…”                                                                                                                                                        Amedeo Maiuri, 1967

Fu proprio Amedeo Maiuri che nel 1948 riaprì l’Antiquarium di Pompei, dopo la violenza devastatrice dei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale. Nel 2016, dopo 36 anni di chiusura, fu aperto nuovamente al pubblico, ma utilizzato esclusivamente per mostre temporanee. Ed oggi ancora una riapertura, che riporta questo spazio alla sua originaria destinazione.

Credits: Parco Archeologico di Pompei

Inaugura il 25 gennaio l’Antiquarium di Pompei, il nuovo spazio museale dedicato all’esposizione permanente di reperti che illustrano la storia di Pompei.  Un’ introduzione alla visita del sito, attraverso le testimonianze più rilevanti della città antica, dall’età sannitica (IV secolo a.C.) fino alla tragica eruzione del 79 d.C., con particolare evidenza all’inscindibile relazione con Roma.

Al termine dell’anteprima stampa e inaugurazione, il pubblico potrà visitare oltre all’area archeologica anche il nuovo percorso museale.

Dal 25 gennaio sarà possibile accedere al sito di Pompei oltre che dall’ingresso di Piazza Anfiteatro, già attivo, anche dal varco di Piazza Esedra con immissione nel percorso di visita, segnalato all’interno degli scavi, allo scopo di assicurare una visita in sicurezza del sito e nel pieno rispetto delle disposizioni sanitarie anti Covid.

L’acceso all’Antiquarium consigliato è da Piazza Esedra ed è incluso nella tariffa di ingresso al sito.

Dal 25 gennaio sarà possibile acquistare il biglietto sia  on-line sul sito www.ticketone.it, unico rivenditore ufficiale autorizzato, sia presso le casse automatiche di Piazza Esedra e di Piazza Anfiteatro.

Tariffe: Pompei e Antiquarium: intero € 16,00 (+ € 1.50 su prevendita online) ridotto: € 2.00 (+ € 1.50 su prevendita online) Gratuità e riduzioni come da normativa.

Presso i due ingressi  sarà possibile richiedere un servizio visite guidate, dalle ore 9,00 alle 13,00.

Credits: Parco Archeologico di Pompei

Anche il Museo Archeologico di Stabia Libero D’Orsi presso la Reggia di Quisisana,  dedicato all’esposizione dei numerosi e prestigiosi reperti del territorio stabiano, è aperto al pubblico.

Tariffa: Quisisana € 6.00 (+ € 1.50 su prevendita online) ridotto: € 2.00 (+ € 1.50 su prevendita online

In ottemperanza alle indicazioni ministeriali e fino al ulteriore comunicazione i  siti saranno aperti dal lunedì al venerdì nei consueti orari (Pompei 9,00 – 17,00 con ultimo ingresso 15,30; Museo Libero D’Orsi 9,00 -17,00 con ultimo ingresso.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here