Veduta della Grotta Grande. Disegno.

È stata presentato questa mattina in anteprima ai media – alla presenza di Eike Schmidt (Direttore delle Gallerie degli Uffizi) e di Stefano Casciu (Direttore del Polo Museale Regionale della Toscana) – il nuovo Laboratorio Restauri delle Gallerie degli Uffizi. La nuova sede, che inizierà a funzionare entro la fine del mese di giugno, è situata all’interno del Giardino di Boboli.

“Con il nuovo laboratorio – ha affermato Eike Schmidt – le Gallerie degli Uffizi possono svolgere le funzioni di conservazione e tutela delle opere meglio che nel vecchio spazio al piano terra della struttura delle Reali Poste, dove è rimasto per circa un trentennio. Insieme agli specialisti dell’Opificio delle Pietre Dure, dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, e ai restauratori privati di Firenze, la squadra di restauratori statali degli Uffizi garantirà in questo campo il necessario livello di eccellenza”.

Con questa realizzazione trova compimento il progetto di spostamento della sede del Laboratorio Restauri, avviato anni fa e interamente condotto dalla ex-Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino. Con i restauratori interni e tutte le attrezzature, il Laboratorio ha infatti lasciato gli ambienti presso la Vecchia Posta, nel complesso vasariano degli Uffizi, dove svolgeva da oltre trent’anni la propria attività a favore di tutti i musei e del territorio di giurisdizione della Soprintendenza, per consegnarli a disposizione delle esigenze progettuali dei Nuovi Uffizi; non solo: il bisogno dello spostamento era ormai avvertito da lungo tempo per evidenti necessità di miglioramento, di adeguamento funzionale della sede e, non ultimo, per evitare il rischio, se pur remoto, di nuove alluvioni come quella del 1966 che causò danni solo al piano terra degli Uffizi.

Laboratori più moderni

I nuovi spazi per il Laboratorio di Restauro, dove sono attualmente operative quattro restauratrici statali di questo settore (Sabrina Biondi, Marina Ginanni, Elena Prandi e Cristina Samarelli), furono individuati  circa otto anni fa nell’antica palazzina situata all’interno del Giardino di Boboli, nell’area all’estremità sinistra del Giardino, denominata delle Cacce Superiori. L’adeguamento della struttura alle esigenze di funzionalità e sicurezza di un laboratorio moderno, nel pieno rispetto delle caratteristiche dell’edificio ha richiesto un lungo e costante impegno di risorse umane e finanziarie messe a disposizione dalla ex Soprintendenza. Grazie a una serie di finanziamenti  consecutivi, i locali sono stati dotati dei più moderni impianti sia di sicurezza sia di controllo delle condizioni microclimatiche per permettere gli interventi sulle opere in restauro; altri interventi hanno poi previsto la realizzazione di un grande spazio per il restauro pittorico, di una piccola falegnameria, di un ambiente per interventi su materiali lapidei e di un soppalco per la parte amministrativa; inoltre il nuovo laboratorio ha previsto un pavimento idoneo, dei nuovi bagni e un paranco esterno per issare al primo piano della Palazzina le opere più pesanti.

La realizzazione del progetto, sotto la responsabilità e la direzione tecnica di Mauro Linari, coadiuvato da Giuseppe Melani e in seguito da Claudia Gerola, ha avuto inizio nel 2008 ed è sostanzialmente terminata; come lavoro accessorio, tra l’altro ha comportato anche  la realizzazione di un nuovo deposito presso i locali adiacenti al garage in Piazza San Felice, per trasferire gli affreschi staccati che una volta erano custoditi negli spazi oggi presentati.

Alcune note storiche

Situata in un antico edificio fiancheggiante la Grotta del Buontalenti e prospicente il Cortile delle Cacce, la palazzina che oggi accoglie il nuovo Laboratorio Restauri fa parte di un complesso di edifici di varia origine, tra cui quelli legati all’antico monastero benedettino di Santa Felicita, inglobati nel XVIII nel Giardino. Infatti la presenza della palazzina in alcune stampe settecentesche potrebbe far pensare a un’origine relativamente recente dell’edificio, ma la Pianta del Buonsignori (Nova pulcherrimae civitatis Florentiae topographia accuratissime delineata) nella redazione del 1584 rivela la sagoma dell’edificio in questione accanto alla Grotta (così come la lunetta di Giusto Utens raffigurante Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli) e quindi conferma l’esistenza della Palazzina delle Cacce già nell’ultimo ventennio del XVI secolo.

Fino al 2007 questi ambienti ospitavano uno dei depositi dell’ex-Soprintendenza per il Polo Museale Fiorentino dove erano custodite sia opere dei musei, sia del territorio. Alle prime, per esempio, appartenevano vari affreschi staccati provenienti dai muri esterni del Corridoio Vasariano. La sala più grande invece per anni ospitò le cinque tavole dell’Ultima Cena di Giorgio Vasari, la grande opera alluvionata proveniente dalla Basilica di Santa Croce, a Firenze, che dal gennaio 2004 si trovano in restauro nel Laboratorio dell’Opificio delle Pietre Dure, nella Fortezza da Basso di Firenze.

Fonte: Ufficio Stampa Galleria degli Uffizi

GALLERY:

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here