Lo scorso 21 giugno, il Dipartimento di archeologia dell’Università Federico II di Napoli ha diffuso i risultati delle analisi multispettrali eseguite sulla metopa di Apollo che ornava il fregio del Tempio di Hera, 9 km a nord di Paestum: i rilievi furono completati con l’uso dei colori.

Queste analisi che hanno dato una vera svolta nello studio del santuario di Hera sono state realizzate grazie al contributo economico della Fondazione Mezzogiorno Tirrenico e di Confindustria di Salerno.

L’articolo completo a questo link.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here