Una missione archeologica dell’università egiziana Ain Shams ha completato lo scavo di un struttura cultuale dedicata al faraone Ramesse II scoperta lo scorso anno nell’antica Eliopoli, la moderna Matariya, il sobborgo del Cairo ormai divenuto celebre per il ritrovamento del colosso di Psammetico I.

Dettagli dalla struttura giubilare di Ramesse II a Matariya (ph. MoA)

Il direttore della missione di scavo, il dott. Mamdouh El-Damaty, spiega che la struttura probabilmente fu utilizzata per le celebrazioni del giubileo del grande faraone della XIX dinastia. Quello emerso potrebbe essere il padiglione dal quale Ramesse II assisteva, seduto in trono, ai festeggiamenti del suo Heb Sed.

El-Damaty sottolinea l’importanza di questa struttura in quanto fu utilizzata per le celebrazioni giubilari di altri faraoni del periodo ramesside.

 

 

Particolare della struttura giubilare di Ramesse II a Eliopoli (ph. MoA)

Durante la missione appena conclusa il team ha portato alla luce anche una serie di architravi, scarabei, amuleti, vasi di terracotta, blocchi con incisioni in geroglifico (uno di questi presenta il cartiglio di Ramesse III) e testimonianze che riportano al Terzo Periodo Intermedio, quando ancora il tempio era al centro di un’intensa attività economica e registrava ancora grandi forniture di grano destinate al centro di culto.

Source: MoA

Dettaglio della struttura giubilare di Ramesse II scoperta a Matariya (ph. MoA)
Panoramica sulla struttura giubilare di Ramesse II a Matariya (ph. MoA)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here