Un letto di bronzo con sirene del I sec. a.C. nella regione di Kozani (Macedonia greca occidentale)

0
125
Testa di sirena, decorazione del letto funerario, crediti Areti Chondrogianni-Metoki, Ephorate of Antiquities di Kozani

 

Gli scavi condotti nell’area di Mavropigi dall’Ephorate of Antiquities nella regione di Kozani (Macedonia greca occidentale), in una miniera di lignite, hanno rinvenuto, a 1.5m sotto il livello di calpestio, una sepoltura femminile. La donna è distesa su un letto di bronzo in cui montanti sono decorati con teste di sirene.

La sepoltura femminile sul letto di bronzo con il corredo, crediti Areti Chondrogianni-Metoki, Ephorate of Antiquities di Kozani

È raffigurato anche un uccello che tiene in bocca un serpente, simbologia che rimanda al culto di Apollo, del quale esisteva un santuario di dimensioni non monumentali nel sito di Porta a Xirolimni (prefettura di Kozani), come attesta il grande numero di iscrizioni e sculture rinvenuti. Oltre al letto di bronzo, le cui parti lignee non si sono conservate, sono stati rinvenuti quattro vasi in ceramica e uno in vetro. Il direttore dell’Ephorate of Antiquities di Kozani, Areti Chondrogianni-Metoki, rivela che sulla testa della donna sono state rinvenute delle foglie d’oro di alloro, forse parte di una ghirlanda, e sulle mani tracce di fili d’oro, probabile testimonianza di un ricamo.

Ricostruzione del letto, crediti Areti Chondrogianni-Metoki, Ephorate of Antiquities di Kozani

La tipologia di corredo colloca la tomba alla fine del I sec. a.C., ma solo ulteriori analisi sul corpo della donna potranno fornire dati più certi, come anche l’età e la causa del decesso. Quel che appare chiaro è che la defunta, la sola ad essere presente in questa sepoltura, doveva appartenere alla nobiltà locale. Come afferma il dr. Chondrogianni-Metoki, la conoscenza dell’area in questa epoca è poco nota, ma essa corrisponde all’espansione di Roma verso la Grecia dopo la presa di Corinto nel 146 a.C. Questo importante ritrovamento potrebbe aiutare gli studiosi a costruire la storia del I sec. a.C. della Grecia settentrionale.

Advertisement
Articolo precedenteXXVII edizione di Restauro – Salone Internazionale dei Beni Culturali e Ambientali
Prossimo articoloRinvenuto un cardo romano dell’antica Tifernum Mataurense

Laureata in Archeologia Orientale presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale” con una tesi magistrale in Archeologia Egiziana dal titolo “Iside nei testi funerari e nelle tombe del Nuovo Regno: iconografia e ruolo della dea tra la XVIII e la XIX dinastia” (2013), ha conseguito un master di primo livello in “Egittologia. Metodologie di ricerca e nuove tecnologie” presso la medesima Università (2010-2011). Durante il master ha sostenuto uno stage presso il Museo Egizio de Il Cairo per studiare i vasi canopi nel Nuovo Regno (2010). Ha partecipato a diversi scavi archeologici, tra i quali Pompei (scavi UniOr – Casa del Granduca Michele, progetto Pompeii Regio VI, 2010-2011) e Cuma (scavi UniOr – progetto Kyme III, 2007-2017). Inoltre, ha preso parte al progetto Research Ethiopic language project: “Per un nuovo lessico dei testi etiopici”, finanziato dall’Istituto Italiano per l’Africa e l’Oriente e dal progetto PRIN 2005 “Catene di trasmissione linguistica e culturale nell’Oriente Cristiano e filologia critico testuale. Le problematiche dei testi etiopici: testi aksumiti, testi sull’età aksumita, testi agiografici di traduzione” (2006-2007). Ha collaborato ad un progetto educativo rivolto ai bambini della scuola primaria per far conoscere, attraverso sperimentazioni laboratoriali, gli usi e i costumi dell’antico Egitto e dell’antica Roma (2014-2015). È stata assistente di ricerca presso la Princeton University (New Jersey) per “The Princeton Ethiopian, Eritrean, and Egyptian Miracles of Mary digital humanities project (PEMM)” (2020-2021). Ricercatrice indipendente, attualmente è anche assistente di ricerca per il Professor Emeritus Malcolm D. Donalson (PhD ad honorem, Mellen University). Organizza e partecipa regolarmente a diverse attività di divulgazione, oltre a continuare a fare formazione. Collabora con la Dott.ssa Nunzia Laura Saldalamacchia al progetto Nymphè. Archeologia e gioielli, e con la rivista MediterraneoAntico, occupandosi in modo particolare di mitologia. Appassionatasi alla figura della dea Iside dopo uno studio su Benevento (Iside Grande di Magia e le Janare del Sannio. Ipotesi di una discendenza, Libreria Archeologica Archeologia Attiva, 2010), ha condotto diversi studi sulla dea, tra cui Il Grande inno ad Osiride nella stele di Amenmose (Louvre C 286) (Master di I livello in “Egittologia. Metodologie di ricerca e nuove tecnologie”, 2010); I culti egizi nel Golfo di Napoli (Gruppo Archeologico Napoletano, 2016); Dal Nilo al Tevere. Tre millenni di storia isiaca (Gruppo Archeologico Napoletano, 2018 – Biblioteca Comunale “Biagio Mercadante”, Sapri 2019); Morire nell’antico Egitto. “Che tu possa vivere per sempre come Ra vive per sempre” (MediterraneoAntico 2020); Il concepimento postumo di Horus. Un’ analisi (MediterraneoAntico 2021); Osiride e Antinoo. Una morte per annegamento (MediterraneoAntico 2021); Culti egiziani nel contesto della Campania antica (Djed Medu 2021); Nephthys, una dea sottostimata (MediterraneoAntico 2021). Sua è una pubblicazione una monografia sulla dea Iside (A history of the Goddess Isis, The Edwin Mellen Press, ISBN 1-4955-0890-0978-1-4955-0890-5) che delinea la sua figura dalle più antiche attestazioni nell’Antico Regno fino alla sua più recente menzione nel VII d.C. Lo studio approfondisce i diversi legami di Iside in quanto dea dell’Occidente e madre di Horus con alcune delle divinità femminili nonché nei cicli osiriaco e solare; la sua iconografia e le motivazioni che hanno portato ad una sempre crescente rappresentazione della dea sulle raffigurazioni parietali delle tombe. Un’intera sezione è dedicata all’onomastica di Iside provando a delineare insieme al significato del suo nome anche il compito originario nel mondo funerario e le conseguenti modifiche. L’appendice si sofferma su testi e oggetti funerari della XVIII dinastia dove è presente la dea.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here