Carlo Magno va alla guerra. Cavalieri e amor cortese nei castelli tra Italia e Francia

0
1045

Il giorno 29 marzo 2018, in Piemonte, a Torino, verrà inaugurata la mostra dal titolo: “Carlo Magno va alla guerra” cavalieri e amor cortese nei castelli tra Italia e Francia, che sarà visitabile fino al 16 luglio 2018.

L’esposizione, sarà ospitata a Palazzo Madama, sede dal 1934 del Museo Civico di Arte Antica ed è stata curata da Simonetta Castronovo, conservatore di Palazzo Madama e concretizzata tramite la collaborazione con il Musée Savoisien di Chambéry, col quale Palazzo Madama lavora stabilmente dal 2001 e con altri musei francesi e svizzeri appartenenti alla rete Sculpture dans les Alpes; l’allestimento è stato realizzato dell’architetto Matteo Patriarca con Gabriele Iasi e Studio Vairano; la traduzione francese dei testi è stata eseguita dall’Alliance Française di Torino.

L’esibizione che documenta l’arte di corte e la cultura materiale dell’epoca  con sculture, mobili, armi, avori, oreficerie, codici miniati, ceramiche, vasellame da tavola, cofanetti preziosi, monete e sigilli è attorniata e impreziosita dal ciclo di pitture murarie medievali rappresentanti episodi tratti da una celebre chanson de geste, il Girart de Vienne di Bertrand de Bar-sur-Aube composta nel 1180 e dedicata alle vicende di un cavaliere della corte di Carlo Magno con un’unione di scene di caccia nella foresta, battaglie, duelli, l’assedio a un castello, l’investitura feudale, la raffigurazione di un banchetto, accanto a episodi narrativi specifici di questo poema cavalleresco.

Il percorso espositivo si articola in dieci sezioni tematiche:

  • Il castello di Cruet con le sue pitture murali, racconta la storia dell’edificio e la delicata operazione di stacco degli affreschi; le pitture murarie, lunghe complessivamente oltre 40 metri, sono state staccate dalle pareti della dimora savoiarda nel 1985 per ragioni conservative e, dopo un restauro concluso nel 1988, sono da allora esposte presso il Musée Savoisien di Chambery.
  • I committenti attivi all’epoca, come Amedeo V conte di Savoia e Filippo di Savoia principe d’Acaia, attraverso l’esposizione di preziosi documenti duecenteschi.
  • La guerra, i tornei e la caccia,   spade, speroni, punte di freccia e di lancia, ad evocare le armature dei cavalieri medievali, mentre un rarissimo olifante (corno in avorio come quello usato da Orlando nella Chanson de Roland) richiama le battute di caccia al cervo e al cinghiale, passatempo preferito dell’aristocrazia;
  • Interni gotici, testimonianze di mobilio medievale.
  • Poemi e romanzi cavallereschi, codici e pagine miniate.
  • Le spese di corte illustrate da un rotolo pergamenaceo con la contabilità dei conti di Savoia, affiancato ad alcune monete d’argento emesse durante il regno di Amedeo V e Aimone di Savoia.
  • Gli oggetti preziosi e i giochicon cofanetti in cuoio e legno dipinto, pettini e specchi figurati in avorio e alcuni giochi da tavola per adulti (gli scacchi, il tris) e bambini (le bambole in terracotta).
  • La tavola del principe, con oggetti in uso nella mensa dei castelli.
  • La devozione privata con sculture sacre provenienti dalle cappelle dei castelli della Valle d’Aosta.
  • I santi cavalieri, con sculture lignee e avori raffiguranti i santi venerati nel Medioevo, come san Vittore e sant’Eustachio.

L’evento sarà contornato da un nutrito programma di incontri, conferenze, corsi di lingua francese a cura dell’Alliance Française, visite guidate, laboratori per le scuole, eventi teatrali e attività per le famiglie.

Il catalogo scientifico della mostra è edito da Libreria Geografica.

 

INFORMAZIONI:

mostra “Carlo Magno va alla guerra”

Dal 29 marzo al 16 luglio 2018

Luogo:
Palazzo Madama – Museo Civico d’Arte Antica
Piazza Castello, Torino

www.palazzomadamatorino.it

Orario:

Tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore18.00;

chiuso il martedì.

La biglietteria chiude alle ore 17.00.

Biglietti

Intero: € 10
Ridotto: € 8

Ingresso libero:

– minori di 6 anni

– persona con disabilità e suo accompagnatore

– titolari dell’abbonamento ai musei

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here