Alle origini del Galermi. Un acquedotto antico attraverso la Storia

0
1159

Testimone della lunga storia della città di Siracusa, l’acquedotto Galermi ha attraversato il tempo e la storia: creato per portare l’acqua potabile nella città antica, è stato rimaneggiato dopo il 500 dalla famiglia Gaetani di Sortino, che ha ottenuto nel 1576 dal Senato di Siracusa la concessione del canale e il diritto di installare mulini per il frumento. Il Marchese e i suoi eredi hanno realizzato una serie di ristrutturazioni, in particolare dopo il terremoto del 1693, e una fitta maglia di mulini, il tutto menzionato nell’archivio di famiglia.

L’acquedotto fu poi confiscato nell’Ottocento per essere destinato alla sola irrigazione del territorio. Tra il 1924 e il 1967 le sue acque forniscono energia elettrica alla provincia di Siracusa tramite la prima centrale idroelettrica del territorio, eretta dai proprietari privati Concetto Salonia e Vincenzo Carpenteri. Oggi la ricchezza agricola che produce è minacciata dalla vetustà dell’opera e dalla mancanza dei finanziamenti necessari alla sua manutenzione. Tuttavia questa opera è unica nel Mediterraneo e meriterebbe di essere protetta e valorizzata.

Il lavoro svolto è stato reso possibile grazie alla disponibilità del Genio Civile, autorizzato dalla Soprintendenza BB.CC.AA. di Siracusa, cui spetta la tutela del monumento. La mostra è stata sostenuta dalla preziosa collaborazione dell’Archivio di Stato – Sezione di Siracusa- ed è organizzata con la collaborazione del Polo regionale di Siracusa per i siti e i musei archeologici – Museo archeologico regionale Paolo Orsi.

Questa mostra intende presentare al pubblico i primi risultati di una ricerca della squadra del programma HYDROSYRA, ancora in corso, mettendo in luce le specificità dell’acquedotto dall’Antichità ai giorni nostri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here